venerdì 28 settembre 2012

Mutui: nuove linee guida per determinare il tasso Libor

Il tasso Libor, presente prevalentemente nei mutui dei consumatori statunitensi e inglesi, più raramente italiani in quanto i mutui di casa nostra sono indicizzati all'Euribor, ha finalmente delle nuove linee guida atte a renderlo meno manipolabile e più semplice da determinare. A dettarle è stato Martin Wheatley direttore della Fsa (Financial Services Authority) affermando, prima di tutto, che "il Libor può essere riformato attraverso un radicale piano di riforme". Tra gli spetti più interessanti e che segnano un punto di rottura con il passato, vi è senza ombra di dubbio il fatto che la responsabilità di governance e vigilanza sul tasso dovrà passare dall'associazione bancaria British Banker's Association, composta da appena 16 istituti di credito, alla Fsa. Ma non solo, i submitter (coloro che fissano il rating per ogni banca) dovranno essere selezionati dalla stessa Authority. Wheatley ha comunque fatto un discorso a tutto campo, pregno di buon senso, i cui punti salienti prevedono misure attuabili a breve termine, sulla cui incisività ed efficacia non ci sono molti dubbi. Ad esempio, il direttore della Fsa, vuole che i tassi Libor, attualmente 150, vengano ridotti a 20, che siano eliminate le corone danese e svedese e i dollari australiano, canadese e neozelandese. L'obiettivo è quello di rendere il meccanismo meno virtuale, basato cioè sulle aspettative, e più conforme con la domanda vera del mercato. Affinché ciò avvenga è giusto che si riferisca a valori reali e non presunti. Il tasso Libor è una creazione del mercato, inventata dal mercato per il mercato. In questo contesto, operatori senza scrupoli hanno causato pesanti distorsioni del mercato arricchendosi alle spalle dei consumatori apportando, a loro piacimento impercettibili variazioni nei tassi. Il tasso Libor è utilizzato come prezzo di riferimento per oltre 300 trilioni di dollari di prestiti e di altre operazioni, di vario tipo, in tutto il mondo. Queste vanno dagli interest rate swap ai finanziamenti diretti, dai mutui per le persone comuni ai prestiti destinati alle imprese commerciali. Il problema principale che ha fatto saltare il banco risiede nell'incapacità, da parte del sistema, di gestire i conflitti di interesse. Il tasso dovrebbe rappresentare il costo reale a cui prendere un prestito dalla banca ma, poiché gli istituti di credito dispongono di una miriade di offerte diverse, soprattutto per ciò che attiene il mercato degli swap, che è diventato più o meno redditizio a seconda del tasso Libor corrente, si è venuta a creare una situazione paradossale in cui chi era preposto a vigilare e a decidere in merito all'andamento del tasso stesso era il medesimo soggetto che, in termini di guadagno, dipendeva da queste offerte e, quindi, aveva interesse a spingere il tasso su o giù, a seconda della necessità.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.