martedì 27 maggio 2008

Il nuovo Conto Bancoposta Click conviene veramente?


In questi giorni si sta facendo un gran parlare di questo nuovo conto corrente lanciato sul mercato da Poste Italiane denominato "Conto Bancoposta Click". Letto il documento di sintesi del prodotto, cuginetto evoluto del "Conto Bancoposta" tradizionale, ci sorgono diverse perplessità in merito all'effettiva convenienza che un potenziale cliente potrebbe trarre dalla sua apertura.

Il perché è presto detto. A fronte di un risparmio di 30,99 euro, che è il canone annuo normalmente dovuto a Poste Italiane per la tenuta del Conto Bancoposta tradizionale, e ad altre voci gratuite comuni al predetto conto, quali a titolo esemplificativo le spese inerenti il rilascio di un nuovo carnet di assegni (fino al 31/12/2008 poi costerà 3 euro ai sottoscrittori del nuovo conto), le spese per le ricariche telefoniche, le spese di apertura, chiusura e liquidazione del conto corrente, il nuovo Conto Bancoposta Click si distingue, in negativo, per gli eccessivi costi nascosti celati dietro ad alcune operazioni molto comuni.

Se è vero che le carta Postamat viene concessa al sottoscrittore del Conto Bancoposta Click a costo zero (con un risparmio di 10 euro l'anno rispetto a chi ce l'ha avendo aperto il Conto Bancoposta tradizionale) è altrettanto vero che le commissioni applicate per operazioni allo sportello con l'ausilio della carta sono del tutto spropositate ed ammontano a 3 euro!

A parziale giustificazione di tale costo, Poste Italiane, assurge la motivazione che vi è la possibilità di effettuare contemporaneamente più di un'operazione dispositiva allo sportello al costo totale di 3 euro + commissioni di routine, ovvero se il cliente deve pagare un bollettino, sull'operazione anziché pagare 1 euro ne paga 3+1, se lo stesso cliente, però, si presenta allo sportello con un bollettino, un pagamento F24 ed una carta Postepay da ricaricare paga sempre 3 euro + le normali commissioni previste per le suddette operazioni dispositive (a nostro avviso è un vero salasso!).

Le spese per la produzione e l'invio dell'estratto conto mensile in forma cartacea ammontano a 2 euro mentre restano gratuite con il conto tradizionale.

Per quanto riguarda il calcolo degli interessi creditori e debitori, in entrambi i casi, si fa riferimento all'anno civile (365 giorni oppure 366 giorni per l'anno bisestile) con periodicità di capitalizzazione annua e liquidazione al 31 dicembre di ogni anno.

Il Conto Bancoposta tradizionale corrisponde ai correntisti un tasso creditore annuo pari allo 0,50% lordo, che al netto della ritenuta fiscale del 27% si riduce allo 0.36% mentre il tasso d'interesse annuo debitore per scoperto di valuta può arrivare al massimo al 9%.

Il Conto Bancoposta Click, invece non corrisponde alcun interesse creditore e non applica alcun interesse debitore per quanto concerne lo scoperto di valuta.

A questo punto ci chiediamo a chi possa realmente convenire l'apertura del nuovo Conto Bancoposta Click?

Di sicuro i potenziali clienti e sottoscrittori sono persone avvezze all'uso di Internet e che hanno una buona predisposizione all'utilizzo delle nuove tecnologie, con particolare riferimento ai telefoni cellulari attraverso i quali è possibile effettuare operazioni dispositive, ma che per voglia o per tempo non possono o non amano recarsi alle Poste.

Se utilizzato esclusivamente online, il Conto Bancoposta Click è uno strumento piuttosto valido e sicuro attraverso il quale poter pagare via Internet i bollettini, il canone Rai, il bollo auto, ricaricare il cellulare e la carta Postepay. E' anche possibile trasferire online denaro in Italia e nel mondo con bonifici nazionali, esteri e con vaglia. Inoltre, per i possessori della Sim Poste Mobile, Conto Bancoposta Click diventa uno strumento per effettuare pagamenti e controllare i movimenti finanziari direttamente dal proprio telefono cellulare. A tal fine sarà sufficiente associare la propria Sim al conto corrente per poter consultare il saldo e i movimenti ricevendo le informazioni, in tempo reale, via Sms.

Quindi, se avete questo tipo di esigenze e queste attitudini, potrebbe essere una soluzione abbastanza valida aprire questo nuovo conto messo sul mercato da Poste Italiane che, comunque è bene dirlo, offre ai clienti anche tutti i servizi classici di un conto corrente tradizionale: estratto conto mensile, domiciliazione delle utenze, carta di credito classica e revolving (quest'ultima si chiama Credit Easy e viene concessa gratuitamente), carnet di assegni, scoperto di conto. Inoltre Conto Bancoposta Click da la possibilità al titolare di accedere ai prodotti di risparmio e di finanziamento di Poste Italiane (mutui, prestiti personali e polizze assicurative).

In conclusione però continuiamo a preferire il Conto Bancoposta, se non altro le operazioni allo sportello con la carta Postamat non hanno commissioni aggiuntive rispetto a quelle normalmente richieste dalle Poste, la richiesta di un nuovo carnet di assegni è sempre gratuita, ed inoltre è possibile effettuare ogni sorta di operazione anche online per i titolari del Conto Bancoposta Online di cui sarà sufficiente chiedere l'apertura contestuale al Conto Bancoposta al momento della stipula del contratto e senza aggravio di spese.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.