lunedì 17 settembre 2012

Le banche riversano i rischi sui clienti che le hanno salvate

Scellerato, odioso, supponente potrebbe definirsi il comportamento degli istituti di credito che, all'indomani della crisi finanziaria del 2008-2009 sono stati salvati dagli Stati attraverso i soldi dei contribuenti, quindi dei loro stessi clienti e che, senza proferir parola, hanno mantenuto i prestiti più rischiosi non facendo affatto tesoro di quanto accaduto. Ad evidenziare la situazione, alquanto irritante per la verità, è stato uno studio pubblicato dalla Bri (Banca dei regolamenti internazionali che ha sede a Basilea ed ha come azionisti 56 banche centrali, tra cui anche la Banca d’Italia) che ha passato al setaccio i bilanci di 87 istituti finanziari nel mondo, 40 dei quali hanno ricevuto in diverse forme aiuti pubblici. In risposta alla crisi finanziaria le autorità di vari paesi hanno utilizzato denaro pubblico per ricapitalizzare le banche. Queste operazioni di salvataggio hanno indotto un ridimensionamento dei rischi nell'attività di credito delle banche interessate? Per rispondere a tale domanda, lo studio ha analizzato i bilanci e le sottoscrizioni di prestiti sindacati relativi a 87 grandi banche con operatività internazionale. Di fronte al calo generalizzato dei volumi di sottoscrizione dei prestiti nel 2009, lo studio mostra che le banche oggetto di salvataggio non hanno ridotto la rischiosità dei nuovi prestiti in misura maggiore delle altre banche. Questi risultati possono contribuire alla valutazione in corso dei programmi pubblici di salvataggio bancario. Se il comportamento delle banche rimane tale, perché continuare ad aiutarle?
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.