sabato 15 settembre 2012

La rinegoziazione del mutuo scatena il malcontento dei mutuatari

Elogiare gli istituti di credito, si sa, non è certo cosa facile. Riscontrare picchi di efficienza tali da non generare neanche il benché minimo cenno di lamentela da parte della clientela è pressocché impossibile. A tal fine, delinea il quadro della situazione, in maniera esaustiva, un'indagine condotta da Cittadinanzattiva, nota associazione di consumatori, attraverso la XII Relazione PiT Servizi. Dall'indagine è emerso che il motivo di malcontento maggiore per i mutuatari è rappresentato dalle inefficienze legate alla rinegoziazione del mutuo (26% del campione). Nella classifica fanno, comunque, bella mostra di sè altre evenienze indigeste: la liquidazione ritardata in primis (21%), a seguire le misure anticrisi (16%), poi la portabilità del mutuo (13%), l'estinzione anticipata/ipoteca (13%), i tassi elevati (8%) e le spese accessorie (3%). Ciò che irrita maggiormente i consumatori, in merito alla rinegoziazione del mutuo è, in molti casi, la mancata volontà di negoziare da parte delle banche nonché la mancanza di chiarezza delle informazioni. La liquidazione, invece, suscità reazioni avverse a causa dei tempi che, ormai si sono protratti fino a sette mesi. Per ciò che attiene le misure anticrisi varate dal governo, ci si lamenta della scarsa preparazione e competenza degli adetti che, molto spesso, forniscono notizie scarse e confuse in merito ai termini di accesso alle agevolazioni poste in essere. Un altro caso critico è rappresentato dall'estinzione anticipata/cancellazione dell’ipoteca. In questo caso ci si lamenta soprattutto dei ritardi, del pagamento di penali non dovute e dei tempi molto lunghi necessari per il disbrigo della pratica. Le altre voci incidono in maniera più marginale, a partire dai tassi di interesse e per finire alle spese accessorie, comunque indice di malcontento per pochi.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.