domenica 2 settembre 2012

Banca Padovana registra un utile di 2,7 milioni di euro. La crisi tocca solo i cittadini

Congiuntura economica negativa? Certamente! Ma per chi? Solo per i cittadini? Ovviamente si! Il termometro della situazione lo dà anche la notizia, diramata dagli organi di stampa, inerente Banca Padovana che ha chiuso il primo semestre 2012 con un utile attestato, ante imposte di 4,4 milioni di euro, ovvero 2,7 milioni di euro netti. Per carità, niente da dire o da contestare, anzi bisogna fare i più sentiti complimenti a chi gestisce l'istituto di credito veneto, ma balza evidente agli occhi come le banche, dalla crisi, ci guadagnino solamente. Gli unici a soffrire sono sempre e solo i cittadini. Comunque, amare costatazioni a parte, andiamo ad analizzare un po' più nel dettaglio la brillante performance di Banca Padovana, cercando di capire quali iniziative sono state poste in essere al fine di raggiungere questo lusinghiero obiettivo. Nel 2011 le cose non erano andate benissimo, infatti, l’esercizio si era chiuso con una perdita di 55 milioni di euro. Il margine di intermediazione è di 28,6 milioni, in aumento del 13,50%. Al 30 giugno 2012, Banca Padovana Credito Cooperativo vantava 34 filiali, 344 dipendenti e ben 8.213 soci. La raccolta diretta nel primo semestre dell'anno è cresciuta dell’1,38%, attestandosi a 1.671 milioni di euro. Nello stesso periodo è diminuita del 3,60% la raccolta indiretta con un saldo di 393 milioni di euro. Un calo dovuto prevalentemente alle quotazioni di mercato. Gli impieghi, in osservanza della politica di riduzione delle forme tecniche più rischiose a favore di quelle meno rischiose, sono diminuiti del 3,1% e si attestano a 1,78 miliardi di euro. Il primo semestre ha visto, anche, una consistente diminuzione dei costi operativi, con un ribasso dell’1,4%; un risultato, quest'ultimo, ottenuto riducendo - senza forzature e contemplando esodi e blocco del turn over - le spese per il personale per circa 900 mila euro (il 7,67%). L’obiettivo finale, però, è di ridurle entro il 31 dicembre del 10,6% su base annua. In controtendenza, rispetto al dato nazionale, l'attività della Banca a favore del territorio e del suo tessuto economico. Nel primo semestre 2012, infatti, sono state effettuate nuove erogazioni di mutui per 37,3 milioni di euro, di cui 21,7 milioni alle famiglie e 15,6 milioni alle imprese. Tra le altre iniziative intraprese e volte al rilancio della banca, c'è da dire che è stato anche adottato un nuovo modello di filiale che contempla la specializzazione dei dipendenti per segmenti di clientela: aziende, famiglie e clientela private, cioè facoltosa. Ciò consente un’ottimizzazione della relazione con il cliente e il miglioramento della redditività prospettica della Banca.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.