venerdì 29 gennaio 2010

Accredito del bonifico in un giorno

Arriva il bonifico in un giorno. La direttiva europea numero 64 del 2007, che prevede tempi rapidi per l'accredito sul conto corrente, sta ber debuttare in Italia! C'è da dire, però, che a dispetto dell'entrata in vigore della norma, le banche avranno qualche anno di tempo per adeguarsi.

I servizi di pagamento diventeranno, in tal maniera, più "europei". Sarà, infatti, sufficiente un solo giorno di attesa per l'accredito dei bonifici bancari. Il recepimento della direttiva europea, ormai prossima, come dicevamo, al debutto nel Bel Paese, spalanca nuove opportunità per i consumatori ma anche per le imprese.

La direttiva europea prevede un giorno lavorativo per l'accredito del bonifico, sia in termini di valuta che di disponibilità, rispetto agli oltre tre giorni finora necessari.

Tempi ridotti anche per l'accredito, su conto corrente, di assegni circolari, così come prevede la nuova legge italiana entrata in vigore recentemente (Legge 102/2009), con valuta di 1 giorno e disponibilità in un tempo massimo di 4 giorni lavorativi.

Rosario Trefiletti, presidente della Federconsumatori, si è detto entusiasta ed ha affermato che "è senz'altro un fatto positivo perché si accorciano i tempi per le disponibilità di denaro ma, naturalmente, siccome siamo abituati a vedere comportamenti scorretti da parte delle banche, come ad esempio, sulle commissioni di massimo scoperto, sulla portabilità dei mutui, sulla simmetria dei tassi, noi vigileremo e controlleremo e, eventualmente, denunceremo se vi saranno elementi di scorrettezza su questa direttiva".

Gli istituti di credito avranno tempo fino al gennaio 2012 per mettersi in regola. Tra le novità della direttiva europea, anche l'ingresso di nuovi istituti di pagamento come, ad esempio, i supermercati. Si potranno pagare le bollette e le utenze direttamente alla cassa.

SINTESI DELLA DIRETTIVA EUROPEA NUMERO 64 DEL 2007

  • Tempi di esecuzione: i bonifici nazionali e all’interno degli altri Paesi dell’Unione Europea avranno tempi certi di esecuzione; in particolare saranno eseguiti entro un giorno lavorativo quando disposti su canali telematici ed entro due giorni lavorativi quando disposti su un ordine cartaceo.

  • Disponibilità dei fondi e data valuta: per i fondi ricevuti da un’altra banca la data di disponibilità giuridica e la data valuta applicata al conto corrente coincideranno sempre con la data in cui è avvenuto l'accredito dei fondi sul conto corrente; ovvero non saranno più applicati i cosiddetti "stacchi di valuta" sugli importi ricevuti attraverso i servizi di pagamento rientranti nell’ambito della direttiva (Bonifici, RID, RiBa, eccetera).

  • Abolizione delle vecchie coordinate bancarie (ABI-CAB-CC): il codice IBAN è l’unico identificativo per l'esecuzione dei bonifici nazionali. Quindi, non è più possibile eseguire bonifici sulla base delle "vecchie" coordinate bancarie.

  • Abolizione della data valuta antergata: non sarà più possibile chiedere l’accredito dei fondi sul conto di un beneficiario con una data valuta retrodatata rispetto alla data di disposizione dell’ordine.

  • Modifica della gestione degli incassi commerciali interbancari: le disposizioni di incasso attraverso i prodotti interbancari denominati incassi commerciali (RID, Ri.Ba., MAV e bollettini bancari) non potranno mantenere il trattamento attuale. In particolare, non sarà più possibile effettuare le aggregazioni per lotti di disposizioni aventi diverse scadenze, e, in alcuni casi, si renderà necessario modificare l’attuale gestione delle modalità di incasso (dopo incasso, salvo buon fine, ecc.). Sarà necessario effettuare il pagamento di una Ri.Ba. entro e non oltre la data di scadenza; un pagamento successivo alla scadenza non sarà più possibile.

  • Aumento dei tempi per richiedere il rimborso dei pagamenti domiciliati: i debitori che appartengono alla categoria dei "consumatori" (come sono definiti dalla legge di recepimento della direttiva) avranno fino a 8 settimane dalla data di addebito per richiedere alla propria banca lo storno di un singolo pagamento RID.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.