martedì 4 settembre 2012

É difficile che i genitori anziani possano fare da garanti ai figli che contraggono un mutuo

In materia di mutui delle volte verrebbe da dire che si è scoperta l'acqua calda. Nel caso di specie la tentazione è forte, però prendiamo per quella che è l'indagine statistica svolta da un noto portale italiano e con grande rispetto riveliamo che ne risulta che se un richiedente ha un'età avanzata o comunque superiore ai 40 anni, i suoi genitori presumibilmente oltre la soglia dei 60 anni, non possono fare da garante per svariati motivi: reddituali, di anzianità, stato di salute con eventuale elevato rischio di morte. I mutui non stipulati per questa ragione sono svariate migliaia all'anno però, forse, è più interessante capire il perché, visto e considerato che, di norma, a richiedere un mutuo per l'acquisto della casa di abitazione, se si tratta di un soggetto ultraquarantenne, è comunque una persona che si presume abbia un reddito fisso dimostrabile o addirittura due. Difficilmente chi è disoccupato si avventura nella richiesta di un mutuo e solo il 2% delle richieste di mutuo arriva da famiglie monoreddito, quindi i garanti, per famiglie che hanno dei redditi dimostrabili, dovrebbero essere una pura formalità, anche perché, a ben vedere, i dati ci dicono che la media delle richieste non supera il 52% del valore dell'immobile, con una media nazionale di 122.000 euro per mutuo, quindi, tutto sommato, stiamo parlando di cifre abbastanza contenute. Il vero problema sono le banche. La crisi ha fatto si che chiudessero i rubinetti in maniera sempre più serrata e, oggigiorno, poter ottenere un mutuo è diventato quasi una chimera. Non sempre, infatti, è sufficiente avere una busta paga ed un lavoro a tempo indeterminato poiché le garanzie richieste vanno, molto spesso, al di là del semplice reddito dimostrabile. Ecco quindi l'indispensabile figura del garante che si fa avanti, ma ovviamente, se si tratta di persone in avanti con gli anni e con redditi molto bassi, nell'ordine di 500 euro al mese, è certo, nel 99,99% dei casi, che la banca rifiuterà la richiesta di mutuo al richiedente. É un'amara realtà, purtroppo, alla quale faremo fatica ad abituarci, ma l'attuale situazione dei mercati finanziari non lascia ben sperare per il futuro prossimo.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.