domenica 16 settembre 2012

Aumentano le spese scolastiche e le famiglie ricorrono ai prestiti per comprare i libri ai figli

La crisi economica in atto, una delle peggiori che l'Italia abbia mai vissuto, rende tutto maledettamente difficile e, quindi, anche mandare i figli a scuola è un'impresa titanica. Le spese da sostenere, soprattutto per l'acquisto dei libri di testo, sono molte e, a seconda della classe che frequenta il proprio figlio, variano notevolmente. La spesa media per un figlio, secondo l'Osservatorio Findomestic, sarebbe pari a 494 euro, ma se i figli sono due o più, la spesa media sale fino ad arrivare ai 642 euro. Il dato relativo alla spesa media per famiglia è pari a 548 euro, con il picco rappresentato dai 716 euro di chi ha figli che frequentano il liceo. Ben il 28% delle persone intervistate ha dichiarato che, giocoforza, dovrà attingere ai propri risparmi o ad aiuti esterni per far fronte alle spese scolastiche. Tra gli aiuti esterni, ovviamente, figurano anche i prestiti personali. Tra i migliori in assoluto, in tal senso, segnaliamo il prestito denominato "Rata Bassotta - Cessione del Quinto" di IBL Banca. Per una famiglia di 4 persone, con due figli in età scolare e il capofamiglia lavoratore dipendente a tempo indeterminato, abbiamo ipotizzato una richiesta di 2.000 euro da rimborsare in 24 rate mensili. Rata Bassotta, nella nostra simulazione, ha un Taeg pari all'8,47% e un Tan fisso del 4,70%. La rata mensile ammonta a 90,60 euro e le spese di istruttoria a 450 euro. L'erogazione del prestito può avvenire direttamente sul conto corrente del soggetto richiedente o a mezzo assegno bancario. Trattandosi di una cessione del quinto dello stipendio il rimborso delle rate avviene a mezzo bonifico bancario effettuato direttamente dal datore di lavoro. Molte famiglie, anzi quasi una su due, il 47% per l'esattezza, nonostante richiedano un prestito, decidono di puntare sull'acquisto di libri usati. La stucchevole pratica degli editori di rieditare i libri di testo ogni anno, magari aggiungendo solo poche pagine in più rispetto alle edizioni precedenti, non sta condizionando più di tanto il mercato dell'usato che, a ben vedere, è diventato un'esigenza imprescindibile, soprattutto per chi ha una famiglia numerosa.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.