lunedì 24 settembre 2012

Il Ministero del Tesoro analizza l'andamento del credito in Italia

Che la situazione del credito in Italia non sia particolarmente florida è risaputo da tempo, ma ciò che evidenzia il Ministero del Tesoro nella nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza 2012 è un quadro generale in cui la stabilità della situazione non genera particolare entusiasmo. Il Ministro Grilli sprizza ottimismo da tutti i pori e, da italiani, dobbiamo dargli fiducia, però più passa il tempo e minore è lo spazio che si può lasciare alla libera interpretazione di dati che appaiono incontrovertibili e che non fanno stare del tutto tranquilli, anche se il margine per una ripresa efficace c'è tutto. Si legge nella nota: "Le turbolenze sui mercati finanziari hanno inciso anche sull’andamento del credito. Con riferimento alle banche, le difficoltà dal lato della provvista e le incertezze sulla solidità del portafoglio crediti hanno generato un inasprimento delle politiche creditizie con innalzamento dei tassi creditori delle banche. Le operazioni di rifinanziamento dell’Eurosistema hanno contribuito in misura rilevante a garantire la disponibilità di liquidità bancaria, ma questo non si è tradotto in un proporzionale aumento di crediti concessi all’economia. Dopo il recupero registratosi nel 2011, la variazione annuale degli aggregati creditizi degli istituti finanziari al settore privato ha iniziato ad essere nuovamente in territorio negativo negli ultimi mesi. La tendenza negativa è stata particolarmente marcata per le imprese. In luglio il costo dei nuovi prestiti alle imprese italiane da uno a cinque anni, fino a un milione di euro, è risultato pari al 6,2% rispetto al 4% registratosi per le imprese tedesche. Questo in parte riflette la frammentazione dei mercati finanziari nell’Eurozona a cui si assiste dal 2010 e la non uniforme trasmissione delle decisioni di politica monetaria nei diversi paesi dell’Area. Secondo l’indagine trimestrale sul credito bancario, dal lato dell’offerta, nel secondo trimestre 2012 si rileva un sensibile miglioramento rispetto alle tensioni emerse a gennaio scorso. Si registra una minore tensione nelle condizioni dell’offerta alle grandi imprese mentre per le piccole-medie imprese vi è sostanziale stabilità". Molto spesso, purtroppo, non viene presa troppo in considerazione la rete di piccole e medie imprese italiane da parte delle banche. Il tessuto economico nazionale poggia prevalentemente su di esse ed è assai rischioso dare ossigeno solo alle grandi imprese trascurando le centinaia di migliaia di realtà medio piccole sparse sul territorio. Se, infatti, va in crisi la Fiat, ad esempio, è giusto e sacrosanto evitarne il default però è anche giusto e doveroso evitare il collasso del sistema Italia chiudendo i rubinetti dell'accesso al credito dell'azienda dell'ipotetico signor Mario Bianchi che da lavoro magari a 10 padri di famiglia. Diciamo che le banche dovrebbero rivedere i criteri di erogazione del credito ed essere decisamente più propense ad andare incontro agli imprenditori italiani favorendo il rilancio dell'economia reale. Per ciò che attiene le famiglie, invece, si legge sempre nella nota che "nel secondo trimestre, le condizioni dell’offerta di credito sono risultate stabili per i mutui immobiliari e in lieve restrizione nel segmento del credito al consumo. La domanda risulta in lieve contrazione in entrambi i comparti, nonostante la lieve diminuzione dei tassi d’interesse (sui prestiti per l’acquisto di un'abitazione e sul credito al consumo) in corso dal mese di febbraio".
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.