venerdì 14 settembre 2012

Le banche paralizzano il comparto sanitario e la gente muore

Anche questa è Italia. Triste, ma quantomai attuale è la vicenda dell'ospedale San Bortolo di Vicenza, un nosocomio hub che di solito, nel corso degli anni passati ha sempre attirato le banche come mosche. Sgomitavano per concedere un mutuo all'ospedale - osserva con amarezza il dg Antonio Alessandri - ora, invece, ottenere un mutuo dalle banche è diventata una chimera. I motivi sono tanti, ma in principal modo legati ad un meccanismo perverso messo in piedi dalla Banca d'Italia che ha imposto dei vincoli di garanzia rigorosissimi e immobilizzazioni onerose a lungo termine. In conseguenza di ciò, gli istituti di credito possono concedere prestiti solo a condizioni impossibili e a tassi astronomici. Questo impedisce, di fatto, alle banche di erogare mutui all'azienda sanitaria, impedendole di acquistare importanti macchinari di nuova generazione che sarebbero dovuti andare a sostituire tutte le attrezzature vetuste presenti nei reparti che ne hanno fatto richiesta. Al San Bortolo servirebbero tre mutui per complessivi 22 milioni di euro per far fronte alle proprie esigenze. L'Ulss ha preparato i bandi delle tre gare europee, li ha pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, ed ha atteso che le banche si facessero avanti per contrattare i tre mutui. L'attesa è stata vana e, cosa ancor più incredibile, non si è fatta viva neanche Unicredit Banca che dell'ospedale San Bortolo è tesoriere! La situazione è seria.  C'è da rimpiazzare per la radioterapia oncologica un acceleratore lineare vecchio di 12 anni con un modello di ultima generazione che da solo costa 3 milioni di euro. Servono ecografi per la diagnostica. Urge una gamma camera per le scintigrafie che si fanno in medicina nucleare. Occorre attrezzare la radiofarmacia che serve a produrre i farmaci necessari per diagnosticare i tumori. Però le banche non concedono alcun mutuo ed ignorano il problema. Ora l'ultima spiaggia è rappresentata dalla Cassa Depositi e Prestiti che, tra l'altro, qualora venisse incontro alle esigenze dell'ospedale, lo farebbe ad un costo notevolmente inferiore (circa un terzo) rispetto a quello che il nosocomio avrebbe dovuto sostenere rivolgendosi agli istituti di credito tradizionali. Che dire. Speriamo che qualcosa si sblocchi al più presto perché agli ammalati interessano poco i vincoli e i paletti imposti dalla Banca d'Italia e giustamente pretende un'assistenza sanitaria adeguata.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.