mercoledì 19 settembre 2012

Aumentano i mutui che hanno una donna come primo intestatario

Aumentano i mutui che hanno una donna come primo intestatario. Il dato emerge da due indagini, distinte e separate, effettuate da Mutui.it e MutuiSupermarket.it, due noti broker che operano nel settore dei mutui online. Confrontando i dati delle due ricerche, si evince come lo scarto complessivo sia veramente basso. Per Mutui.it, oggi, i mutui che hanno come primo intestatario una donna sono il 27% del totale, mentre per MutuiSupermarket.it sarebbero un po' più numerosi, ovvero il 28%. Il trend sembra suggerire come la donna si posizioni sempre più al centro della gestione economico-finanziaria della famiglia con riferimento alla scelta del mutuo. Il profilo della richiedente tipo è una persona con un'età media di circa 39 anni, interessata all’acquisto della prima casa (circostanza, questa, che copre circa il 74% delle richieste), e che dispone di uno stipendio medio di circa 1.800 euro al mese. La richiesta di mutuo mediamente si attesta sui 127.000 euro, da restituire in 24 anni; la percentuale dell'acquisto, inerente l'unità immobiliare oggetto dei desideri, da finanziare attraverso il mutuo, è pari al 55% del valore della casa. Il campione preso in esame, composto da 16.000 utenti, dimostra come il mutuo preferito dalle donne sia quello a tasso variabile (44% del totale delle richieste) mentre il mutuo a tasso fisso resta più indietro con il 36% delle preferenze. Il 59% dei mutui "rosa" è richiesto da donne single, mentre i mutui cointestati, vantano solitamente la presenza di un secondo firmatario che dichiara un reddito mensile non superiore ai 1.300 euro. Infine, il dato geografico rende evidente la differente situazione occupazionale tra le tre maggiori aree del Paese. I livelli occupazionali del Nord e del Centro Italia, consentono una maggiore autonomia economica alle donne e, di conseguenza, la maggior richiesta di mutui si concentra in queste due aree geografiche. Le Regioni in cui maggiormente le donne si rivolgono in prima persona agli istituti bancari sono la Liguria (con il 34%), seguita da Lazio (32,8%) e Umbria (31%), fanalino di coda è la Puglia, con appena il 17,6% del totale.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.