venerdì 5 ottobre 2012

Lo spread dei mutui aumenta a causa del differenziale BTp - Bund

Il livello dei tassi applicati ai mutui ipotecari resta elevato, nonostante il costo del denaro sia alquanto basso, principalmente a causa dell'andamento del differenziale tra BTp e Bund decennali. A luglio 2011 lo spread fra i titoli di stato italiani e tedeschi a 10 anni ha superato la soglia del 3% segnalando una rischiosità crescente del debito sovrano italiano. I rendimenti dei BTp devono salire per compensare la maggiore rischiosità e questo comporta un calo dei prezzi dei BTp. Le banche a questo punto si ritrovano con i loro investimenti in BTp che perdono valore e con stati patrimoniali più deboli; la situazione politica e economica del sistema Italia rendono le controparti bancarie italiane ancora più rischiose. Cresce quindi il costo di approvvigionamento del capitale delle banche (cost of funding) che si vedono costrette ad aumentare gli spread dei mutui ai loro clienti in maniera progressiva. Dai dati in nostro possesso, estrapolati da un'indagine condotta da MutuiSupermarket, il trend è rimasto costante fino a tutto febbraio 2012. A partire dal terzo trimestre del 2011 gli spread medi applicati dagli istituti bancari ai propri mutui a tasso variabile sono cresciuti molto in fretta passando dall’1,9% al 3,3% (+74% in due trimestri). L’aumento dei tassi di offerta per i mutui a tasso variabile è stato attenuato da una forte contrazione parallela del tasso di riferimento Euribor che, ancor oggi si mantiene su livelli decisamente bassi. La tendenza al rialzo ha comunque fatto registrare una battuta d'arresto nel corso del secondo trimestre di quest'anno, con alcune banche che hanno rivisto al ribasso il proprio pricing di offerta mutuo. Sul fronte dei mutui a tasso fisso, invece, a partire dal terzo trimestre 2011 gli spread medi applicati dagli istituti bancari ai propri mutui sono cresciuti rapidamente passando dall’1,4% al 2,8% (+100% in due trimestri). L’aumento dei tassi di offerta per i mutui a tasso fisso è stato attenuato da una forte contrazione parallela dei tassi di riferimento IRS. La tendenza al rialzo è rallentata nel corso del secondo trimestre di quest'anno, con alcune banche che hanno rivisto al ribasso il proprio pricing di offerta mutuo.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.