martedì 9 ottobre 2012

Google lancia la prima carta di credito per l'acquisto di pubblicità online

Google, in collaborazione con Barclays, lancia la prima carta di credito per l'acquisto di pubblicità online! Si tratta di una piccola rivoluzione all'interno del settore dell'advertising che servirà ad agevolare l'acquisto di inserzioni tramite il canale Google AdWords. Ma non solo, per le aziende sono previsti dei veri e propri prestiti, il cui ammontare è decisamente elevato e va da un minimo di 100 mila dollari a un massimo di 200 mila dollari al mese. Si tratta di prestiti esclusivamente finalizzati all'investimento pubblicitario usufruendo sempre dei servizi di Google. Il tasso applicato nel Regno Unito, unica nazione nella quale la carta di credito e i prestiti sono già disponibili, è pari all'11,9%. La fase sperimentale del servizio è stata condotta negli Stati Uniti d'America ed ha coinvolto ben 1400 imprese per un anno. La notizia è stata resa nota dal Financial Times con un articolo dal quale è emerso anche che Google ha lanciato questi servizi per sfruttare le riserve cash dell'azienda. A tutt'oggi AdWords vanta ricavi per oltre 10,96 miliardi di dollari e un fatturato che supera i 37 miliardi di dollari l'anno e non è un caso che la carta di credito e i prestiti Google siano stati lanciati proprio in Gran Bretagna, considerato il fatto che dal Regno Unito proviene l'11% dei ricavi totali. Nelle prossime settimane è previsto l'arrivo di questi nuovi servizi in altre nazioni europee anche se ancora non è stato reso noto quali. Resta da verificare l'impatto che questi servizi avranno sui piccoli inserzionisti, molto spesso poco inclini ad investire ingenti somme in pubblicità. Un'altra considerazione da fare è la seguente: Google presta denaro virtuale da spendere in un servizio altrettanto virtuale che in realtà per la casa madre è a costo zero o quasi (un po' come il traffico telefonico che per le aziende fornitrici è illimitato oltreché immateriale). Questo dovrebbe ragionevolmente far diminuire il tasso applicato al prestito che, altrimenti, resterebbe su livelli più alti della media del mercato inficiandone, di fatto, la convenienza. Comunque ancora è presto per poter fare delle valutazioni chiare. Non ci resta che aspettare.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.