mercoledì 3 ottobre 2012

Aumentano i mutui negli USA ma crollano in Francia, intanto Obama sposa la causa di Schneiderman

Quello dei mutui è un mercato veramente imprevedibile e lo dimostrano chiaramente i dati provenienti dagli Stati Uniti d'America, in cui nell'ultima settimana, grazie alla Fed che ha abbassato il costo del denaro, le richieste di mutui sono aumentate addirittura del 16,6%, per contro, in linea con il dato italiano, anche se meno accentuato, la Francia ha fatto registrare una contrazione delle richieste di mutui immobiliari, nel terzo trimestre dell'anno, pari al 29% che, su base annua sfiora il 32%.  In Europa regna sovrana la sfiducia tra gli istituti di credito mentre negli USA, soprattutto grazie al Presidente Obama, si è usciti dall'immobilismo e pare che ci si muova in una direzione inaspettatamente favorevole soprattutto per i consumatori. Obama, in piena campagna elettorale,  facendo leva su una serie di documenti ed email interne alla banca cavalca l'onda segnata dal procuratore generale dello Stato di New York, Eric Schneiderman, che ha fatto scattare una causa miliardaria contro J.P. Morgan e la defunta Bear Stearns, inerente la vendita, tra il 2006 ed il 2007, di titoli garantiti da mutui residenziali a rischio (mutui subprime) e che viene considerata una vera e propria truffa ai danni dei risparmiatori. La mossa di Obama tramite la procura newyorkese stabilirebbe un importante precedente giuridico. Usando come modello la causa fatta a J.P. Morgan, infatti, si darebbe il via ad una lunga serie di cause verso tutti gli istituti coinvolti nello scandalo dei mutui subprime per un totale di decine di miliardi in multe e risarcimenti. In Europa, invece, dove vige una rigidità burocratica fuori dal comune e in un contesto in cui le banche continuano a guardarsi con sospetto, il problema dei mutui subprime è abbastanza marginale, ciò che purtroppo ha colpito il settore nel Vecchio Continente è tutta una serie di comportamenti poco limpidi nei confronti dei clienti da parte di alcuni istituti di credito europei, come, tra l'altro, dimostra la montagna di reclami ricevuti dalla Financial Services Authority britannica inerenti comportamenti poco trasparenti da parte dei funzionari di banca proponenti polizze di protezione dei mutui ma anche nella determinazione del tasso Libor. Come si vede, lo scenario internazionale è assai variegato e in particolare fermento ed il settore dei mutui è sempre di più al centro dell'attenzione e, mai come ora, può essere un parametro valido per delineare i contorni e la portata della crisi economica in atto al di qua dell'Atlantico.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.