venerdì 19 ottobre 2012

Le banche giocano sporco e condizionano il mercato immobiliare

Quello che sta succedendo in Italia è sicuramente un fenomeno che strutturalmente ricorda ciò che è successo in Spagna e in Irlanda, due nazioni in cui non è errato parlare di bolla immobiliare e all'interno delle quali si sono registrate pesanti contrazioni nel settore delle compravendite di case. Si parla anche di una consistente perdita di valore degli immobili; -7,3% in Spagna e addirittura -11,3% in Irlanda, Questi dati non lasciano spazio a molte interpretazioni. In Italia il dato resta negativo e dal 2008 ad oggi è stata registrata una diminuzione del 4% del valore medio delle unità immobiliari sparse sul territorio nazionale che, a ben vedere, vanta anche un altro significativo primato negativo, ovvero l'Italia è una delle prime nazioni al mondo per ciò che attiene il numero di case nuove rimaste invendute; si parla di grandi numeri, il totale, infatti, ammonterebbe a circa 600.000 unità. Il mercato è condizionato anche e soprattutto da un meccanismo perverso innescato dagli istituti di credito che, in pratica, rimandando la svalutazione sui prestiti legati al settore immobiliare, sperano di superare la crisi senza essere costretti a eccessivi ribassi. Questa pratica mette però le banche in una situazione critica, poiché provoca la naturale riduzione del numero dei prestiti, aumentando anche la selettività di chi li richiede. L’esposizione bancaria italiana supera di poco i 662 miliardi di euro, tra mutui e prestiti. Il rischio di writedowns immobiliare è forte e, da indagini effettuate da numerosi esperti del settore, parrebbe essere concreta la possibilità di ottenere risultati molto negativi, nell'ordine di circa 65 miliardi di euro in termini di perdite.  Nel primo trimestre 2012, l'ISTAT ha valutato che i mutui ipotecari si sono dimezzati rispetto al 2011 ed è un dato di fatto che il prezzo medio delle case sia sceso del 16% (picco massimo) circa (dato da rapportare alle richieste di mutuo) e che per l'acquisto di un'unità immobiliare sono stati richiesti il 44% dei mutui erogati in totale dal sistema creditizio. Insomma, si tratta di una situazione sicuramente non rosea che anche per colpa delle scellerate strategie approntate dalle banche ha messo in ginocchio uno dei settori storicamente molto caro agli italiani come, per l'appunto, quello immobiliare. Analizzando la situazione non si può che definire l'atteggiamento delle banche, assolutamente rischioso e autolesionista. Gli istituti di credito hanno un solo scopo, ovvero produrre utili, ma molto spesso, e questo ne è un esempio lampante, pare che abbiano il prosciutto sugli occhi e non riescano ad interpretare nè a leggere correttamente la situazione.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.