mercoledì 1 agosto 2007

Cessione del quinto dello stipendio: in Italia è la forma di rimborso più utilizzata!

Gli italiani sono ancora il fanalino di coda in Europa quanto a credito al consumo, ma la forbice sembra stringersi rapidamente. Ad affermarlo è Valentina Conte de "Il Sole 24 Ore". La richiesta di prestiti cresce, infatti, non soltanto per spendere di più, ma anche per mantenere inalterato il proprio potere d'acquisto, come dimostra il boom delle cosiddette cessioni del quinto dello stipendio. In questa situazione - continua la giornalista - le banche hanno una grande responsabilità: evitare che la difficoltà di accesso al credito spinga i risparmiatori verso le società finanziarie dietro cui si nascondono spesso gli usurai. Da uno studio condotto dalla società di consulenza "Roland Berger", si evince una tendenza netta al rialzo in merito al ricorso ai piccoli prestiti personali, da parte delle famiglie italiane. Come è noto - dice Valentina Conte - nel 2006 sono stati erogati in Italia 85,2 miliardi di euro di finanziamenti per il credito al consumo (erano 72,3 miliardi di euro nel 2005), pari al 5,8% del Pil (Prodotto Interno Lordo). Secondo l'indagine condotta dalla "Roland Berger", il dato nuovo inerisce il passaggio dai tradizionali prestiti per l'acquisto dell'automobile o di elettrodomestici, ancora importanti come pure i mutui per la casa, a prodotti "last hope", ultima spiaggia: la cessione del quinto dello stipendio che dal 2004 cresce a ritmi vertiginosi, il 39% l'anno, i prestiti personali (+25%) e l'utilizzo delle carte di credito (+18%). Percentuali che fanno impallidire il ritmo di crescita del 5% del prestito auto e dell'1% dei cosiddetti prestiti "finalizzati". "L'ottica delle banche deve cambiare - afferma Maurizio Panetti, co-managing partner della Roland Berger - non deve più essere rivolta al breve termine, ma allo sviluppo di prodotti per finanziare esigenze strutturali, come sono i consumi quotidiani. Mutui e consumer financing hanno una struttura simile (rata e interessi) ma sono diversi dal punto di vista del rischio che nel secondo caso può arrivare fino al 20%. Questo avviene perché il mutuo è un prestito garantito, il credito al consumo no". Occorre, dunque, riportare il credito al consumo nelle banche che riescono a gestire meglio il costo distributivo, impedire il proliferare del mercato dell'usura e invertire la visione dell'indebitamento come fattore non virtuoso. La riforma delle finanziarie è indispensabile - conclude Panetti - per mettere sotto controllo l'usura. Sono le banche che devono coprire questo rischio a tutto vantaggio del mercato e del consumatore che non deve pagare lo sviluppo. Qualcosa già si muove nell'offerta degli istituti di credito: dai mutui a 40 anni a quelli generazionali, dal prestito per finanziare gli studi al consolidamento del debito.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.