lunedì 13 agosto 2007

Debiti in aumento per le famiglie italiane

Lo rivela una ricerca condotta dalla Cgia di Mestre

Sarebbero circa 15.000 euro i debiti medi delle famiglie italiane, sempre più strette nella morsa dei prestiti personali e dei mutui. A rivelarlo è un'indagine della Cgia di Mestre che comprende l’accensione di mutui per l’acquisto della casa, i prestiti per l’acquisto di beni mobili, credito al consumo, finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili ed altre forme di credito assimilabili alle precedenti. Seppur poca cosa rispetto alla media d'indebitamento registrata negli Stati Uniti d'America sotto la spinta dei mutui subprime (84.000 euro a famiglia), comunque è un dato pesante e che deve far riflettere. Le famiglie più indebitate sono quelle residenti nella Capitale, ben 21.148,70 euro, quelle meno indebitate sono invece quelle residenti al sud e più precisamente a Vibo Valentia, 6.494,58 euro a testa. L'incremento del debito medio, dall'introduzione della moneta unica ad oggi, è pari all'81,45% segno che non è solo la percezione dei consumatori a far si che si spenda di più, ma sono proprio i prezzi ad essere lievitati notevolmente checché ne dicano i vari governi di turno!
Giuseppe Bertolussi, segretario della CGIA di Mestre, ha così commentato i dati: "le città più indebitate sono quelle che registrano anche i livelli di reddito più elevati. Non è da escludere che tra questi indebitati vi siano anche delle famiglie appartenenti alle fasce sociali più deboli. Tuttavia, appare evidente che la forte esposizione in queste realtà, soprattutto a fronte di significativi investimenti nel settore immobiliare, ci deve preoccupare relativamente. Altra cosa è quando analizziamo la variazione di crescita registrata negli ultimi anni. Nei primi posti abbiamo molte città del Sud. Ciò sta a significare che questo aumento è probabilmente legato al perdurare della crisi economica che ha indotto molte famiglie a ricorrere a prestiti bancari per affrontare questa difficile situazione".

INDEBITAMENTO DELLE FAMIGLIE ITALIANE

rank

Provincia

Impieghi per famiglia

al 31/03/2007

1

ROMA

21.148,70

2

MILANO

20.142,96

3

LODI

19.616,48

4

TRENTO

19.270,18

5

REGGIO EMILIA

19.175,07

6

BOLZANO

19.034,54

7

RIMINI

19.013,09

8

PRATO

18.631,13

9

PADOVA

18.508,17

10

COMO

18.492,76

11

MODENA

18.349,79

12

VARESE

18.125,67

13

BERGAMO

18.106,86

14

BRESCIA

18.056,60

15

SIENA

17.741,55

16

FIRENZE

17.725,14

17

BOLOGNA

17.178,24

18

PESARO E URBINO

16.942,21

19

RAVENNA

16.722,33

20

FORLI' CESENA

16.508,36

21

TREVISO

16.505,19

22

PISTOIA

16.438,84

23

LECCO

16.257,98

24

ANCONA

16.257,14

25

VICENZA

16.246,15

26

MANTOVA

16.027,79

27

GORIZIA

15.964,30

28

VENEZIA

15.824,85

29

PARMA

15.740,35

30

CREMONA

15.725,11

31

PISA

15.635,17

32

VERONA

15.436,58

33

NOVARA

15.350,29

34

PAVIA

15.176,22

35

LIVORNO

14.982,90

36

PORDENONE

14.884,55

37

TORINO

14.813,36

38

LUCCA

14.723,62

39

PIACENZA

14.674,45

40

UDINE

14.487,95

41

PERUGIA

14.421,99

42

PESCARA

14.301,37

43

ASCOLI PICENO

13.549,34

44

MACERATA

13.385,45

45

SONDRIO

13.353,92

46

GROSSETO

13.320,58

47

BIELLA

13.170,81

48

AREZZO

13.065,48

49

FERRARA

12.908,84

50

ASTI

12.813,26

51

ROVIGO

12.529,37

52

CAGLIARI

12.255,20

53

BARI

12.222,54

54

ALESSANDRIA

12.211,00

55

SIRACUSA

12.199,25

56

CUNEO

12.118,76

57

TERNI

12.084,27

58

VERBANO CUSIO OSSOLA

12.079,57

59

TRIESTE

12.071,82

60

SAVONA

12.068,88

61

LA SPEZIA

12.036,38

62

VITERBO

12.002,57

63

GENOVA

11.975,25

64

VERCELLI

11.935,59

65

LATINA

11.864,12

66

BELLUNO

11.837,45

67

MASSA CARRARA

11.766,46

68

TERAMO

11.694,32

69

SASSARI

11.692,83

70

PALERMO

11.606,67

71

CATANIA

11.584,96

72

NAPOLI

11.555,99

73

IMPERIA

10.993,48

74

TARANTO

10.973,02

75

RAGUSA

10.629,05

76

TRAPANI

10.618,97

77

L'AQUILA

10.600,61

78

AOSTA

10.534,79

79

RIETI

10.181,96

80

CHIETI

10.014,93

81

SALERNO

9.951,03

82

NUORO

9.092,07

83

MESSINA

8.986,78

84

FOGGIA

8.896,55

85

BRINDISI

8.734,53

86

CATANZARO

8.674,73

87

CALTANISSETTA

8.587,91

88

FROSINONE

8.471,14

89

CAMPOBASSO

8.442,49

90

CROTONE

8.371,22

91

CASERTA

8.009,32

92

COSENZA

7.853,86

93

ORISTANO

7.818,26

94

MATERA

7.803,43

95

LECCE

7.724,58

96

AGRIGENTO

7.288,33

97

POTENZA

7.112,21

98

ENNA

6.876,80

99

ISERNIA

6.732,65

100

AVELLINO

6.680,13

101

REGGIO CALABRIA

6.587,82

102

BENEVENTO

6.526,39

103

VIBO VALENTIA

6.494,58

ITALIA

14.800,18

Elaborazione a cura dell'Ufficio Studi della Cgia di Mestre

Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.