sabato 4 agosto 2007

Banche: in frenata i tassi sui mutui

Un primo, timido, segnale da parte degli istituti di credito, più volte invitati dal numero uno di Bankitalia Mario Draghi, a ritoccare al ribasso i tassi d'interesse applicati sui mutui, lo stanno dando alcuni gruppi bancari italiani che, in virtù del sempre maggiore rischio d'insolvenza della clientela, stretta nella morsa delle rate (sempre più elevate - ndr), preferiscono contenere il fenomeno proponendo prodotti un pò più a dimensione d'uomo. In particolare, il settore interessato dai provvedimenti adottati dalle banche è quello dei mutui a tasso variabile che, visti i recenti rialzi dei tassi da parte della BCE, hanno raggiunto una soglia limite superiore alle aspettative di spesa dei soggetti contraenti. Ecco perché i principali istituti si sono attrezzati con opportune protezioni, anche in vista della nuova stretta Bce attesa per settembre. Unicredit ha lanciato «Tasso stop», Intesa San Paolo offre l'opzione «Domus block», Banca Woolwich propone «Fisso 5 rinegoziabile», Ing direct ha studiato un paracadute per il tasso variabile a rata costante. Da verificare nei fatti, queste soluzioni comunque rappresentano un primo passo in avanti a tutela dei consumatori. Da una prima analisi, questi prodotti finanziari, si distinguono per la possibilità, offerta ai contraenti, di bloccare, il più delle volte, i tassi d'interesse applicati e per un determinato periodo di tempo stabilito dalla banca nell'ordine di 5 o 10 anni. Questa soluzione, in parte, consentirà un maggiore controllo della spesa da parte dei clienti e, visto il lasso di tempo previsto, dovrebbe consentire delle fluttuazioni dei tassi, a livello centrale, tali da consentire un ritorno ai livelli raggiunti all'atto della stipula dei contratti di mutuo. Ripetiamo, è un primo passo, ma è già qualcosa. Nei prossimi giorni analizzeremo singolarmente i prodotti citati in questo articolo in maniera tale da fornirvi un'idea precisa delle loro caratteristiche.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.