domenica 4 maggio 2008

Nei primi 3 mesi del 2008 l'inflazione è salita al 3,3%

Nel primo trimestre dell'anno in corso, la crescita dell'indice armonizzato dei prezzi al consumo è stata del 3,3%. L'accelerazione ha riflesso i rincari, di origine internazionale, registrati dai beni energetici e dagli alimentari trasformati (10,4% e 6,5%, rispettivamente, su 12 mesi). La sostenuta crescita dei prezzi alla produzione dei beni almentari (+ 8,8%) segnala che le pressioni sul comparto potrebbero non essersi ancora esaurite.

L'inflazione di fondo (cioè al netto dei beni energetici e di quelli alimentari freschi), si è mantenuta al 2,3%. Essa riflette la decelerazione dei prezzi dei beni industriali non alimentari e non energetici, connessa con la moderata crescita del costo del lavoro per unità di prodotto e con l'attenuarsi delle pressioni dal lato della domanda.

Tali sviluppi hanno provocato un generalizzato rialzo delle previsioni di inflazioni per tutto il 2008. Quelle degli operatori professionali censiti da "Consensus Forecasts", rilevate in marzo, si collocano al 2,7% per la media dell'anno; tornano al 2% per la media del 2009. Le attese a più lungo termine desumibili dai Titoli di Stato a indicizzazione reale si sono attestate negli ultimi mesi su livelli appena superiori a quel valore.

Il credito al settore privato continua ad espandersi a ritmi elevati (10,9% su 12 mesi), riflettendo soprattutto la crescita dei prestiti alle imprese, a fronte di un ulteriore rallentamento di quelli alle famiglie, in linea con il raffreddamento del mercato degli immobili e l'incremento dei tassi sui mutui.

In un contesto caratterizzato da elevata incertezza circa le possibili ripercussioni delle tensioni finanziarie sull'attività economica e da rischi di rialzo dell'inflazione, la Banca Centrale Europea ha mantenuto invariato al 4% il tasso minimo di offerta sulle operazioni di rifinanziamento principali. I tassi d'interesse interbancari e i differenziali con i corrispondenti tassi sui depositi con garanzia (Eurepo) hanno ripreso ad aumentare agli inizi di marzo, segnalando un riacutizzarsi delle tensioni sul mercato monetario.

La BCE ha continuato a fornire abbondante liquidità al mercato, anche mediante interventi straordinari coordinati con le principali banche centrali. In fine, mediante un accordo con la Federal Reserve, è stata messa a disposizione delle banche dell'area Euro liquidità in Dollari.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.