giovedì 1 maggio 2008

Banche, paradossi ed illegalità

In Italia il costo medio di un conto corrente può arrivare anche a 150 euro l'anno; troppo se paragonato a Francia Germania e Gran Bretagna. A nulla è valsa la liberalizzazione del mercato bancario, la concorrenza tra le varie offerte è pressoché virtuale, mentre la pubblicità racconta di offerte non sempre reali. Per quanto ancora i cittadini dovranno sopportare lo strapotere del mondo bancario?

A porsi questa più che legittima domanda è stato Massimiliano Dona, avvocato dell'Unione Nazionale Consumatori, che ha anche fatto presente come neanche gli scandali finanziari, che pure sono arrivati all'opinione pubblica italiana, sono serviti a realizzare contrappesi da opporre a questa potentissima lobby.

"Raccolgo la testimonianza di Giovanni che mi scrive da Rimini - ha detto Dona - sostenendo che la banca pretende oltre 1.000 euro per il trasferimento del suo mutuo ad un altro istituto. Questa è l'ennesima testimonianza del rifiuto delle banche di rispettare la Legge Bersani che prevede la gratuità per la portabilità dei mutui".

In Italia sono oltre 3 milioni le famiglie che, consigliate dalle banche, hanno contratto un mutuo a tasso variabile e hanno visto aumentare la propria rata a dismisura, cosa che ha messo in seria difficoltà i già malconci bilanci familiari.

L'Antitrust ha recentemente confermato l'emergenza; c'è da sperare che il nuovo Governo si schieri senza esitazioni dalla parte dei più deboli, anche in virtù della crisi dei mutui subprime americani che ha fatto sentire i suoi effetti nefasti in tutto il mondo.

APPROFONDIMENTI: La surroga del mutuo non è più una chimera!
Portabilità dei mutui un'operazione complessa ma fattibile
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.