giovedì 3 maggio 2012

Il Senato modifica il DL Liberalizzazioni, ecco le ultime novità

Stop alle commissioni bancarie se lo scoperto in banca è di 500 euro. Primo giro di boa, con l'approvazione da parte del Senato, del decreto integrativo del decreto legge sulle liberalizzazioni e consolidamento dei conti pubblici. Altre novità riguardano i privilegi per i manager pubblici che vanno in pensione: emendamento che ha mandato sotto il governo in aula. Il decreto approvato era stato reso necessario per modificare una norma inserita dal Parlamento nel DL Liberalizzazioni che prevedeva la nullità delle commissioni bancarie sul massimo scoperto. Norma che aveva fatto sollevare le proteste dell'Abi, con le dimissioni dei suoi vertici poi rientrate. La parola ora passa alla Camera.

In sintesi, queste sono le modifiche provenienti dal Senato:

  • Stop alle commissioni bancarie per scoperti fino a 500 euro se la durata dello sconfinamento è inferiore o pari a 7 giorni in ogni trimestre;
  • Le imprese potranno rivolgersi al Prefetto per segnalare problemi di mancata erogazione del credito senza adeguata giustificazione da parte delle banche. Ove lo ritenga necessario e motivato, il Prefetto segnala all'Arbitro Bancario Finanziario specifiche problematiche relative a operazioni e servizi bancari e finanziari. L'Arbitro si pronuncia non oltre 30 giorni dalla segnalazione;
  • Viene esteso anche alle famiglie e ai consumatori l'Osservatorio sull'erogazione del credito istituito presso il Ministero dell'Economia e salta l'attivazione d'ufficio o su segnalazione delle imprese;
  • Soppressa la norma che prevedeva un trattamento privilegiato per i manager pubblici che hanno maturato i requisiti pensionistici entro il 22 dicembre del 2011, decidendo però di rimanere in attività. Il comma abrogato stabiliva che il calcolo delle loro pensioni venisse fatto in base allo stipendio percepito prima dell'entrata in vigore delle misure sul tetto agli stipendi dei manager pubblici, a condizione che mantenessero le stesse mansioni.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.