domenica 5 luglio 2009

Prestiti alle imprese: i dettagli dell'accordo siglato tra Confindustria e Banca Intesa

Strangolate dal fisco, indebolite dai parametri estremamente restrittivi dettati da "Basilea 2", travolte dall'attuale, sfavorevole, congiuntura economico-finanziaria, le imprese italiane, secondo i dati forniti dalla CGIA di Mestre, da gennaio a settembre 2008 hanno chiuso i battenti in 336.846 unità, con un saldo negativo, tra nuove iscrizioni e cessazioni, di ben 13.184 aziende.

In un siffatto scenario va ad inquadrarsi l'accordo siglato venerdì scorso tra Confindustria e Banca Intesa Sanpaolo. Un piano che prevede tutta una serie di misure a favore delle aziende con l'obiettivo di favorirne lo sviluppo ed la ripresa economica e produttiva condizione, questa, assolutamente necessaria per salvaguardare l'occupazione e rilanciare l'economia del Paese.

Il fabbisogno di liquidità verrà assicurato attraverso il sostegno al capitale circolante, effettuato tramite il conto insoluti, grazie al quale, le imprese, riceveranno una specifica linea di credito che gli permetterà di addebitare gli insoluti trimestrali su un conto corrente appositamente dedicato, senza intaccare, in tal modo, quello ordinario dell'impresa. Solo alla scadenza del trimestre il saldo debitore verrà addebitato nuovamente sul conto ordinario.

Un altro punto cardine dell'accordo è la possibilità, per le imprese, di rinviare il pagamento delle rate di mutui e leasing per un periodo massimo di 12 mesi.

Inoltre, per le società che assumono l'impegno a migliorare la struttura patrimoniale dell'azienda, entro un dato periodo, è disponibile un finanziamento massimo di 3 milioni di euro, con una durata compresa tra i 3 e i 5 anni.

Per le società che effettuano un aumento di capitale è disponibile un finanziamento di importo pari ad un multiplo dell'aumento di capitale effettivamente versato dai soci, con un massimo di 5 milioni di euro, per una durata compresa tra i 5 e i 10 anni. Il finanziamento sarà erogato in base alle garanzie rilasciate e sarà soggetto ad un preammortamento massimo di 2 anni.

Il piano potrà contare su ingenti risorse. Infatti si parla di circa 60 miliardi di euro che Intesa Sanpaolo metterà a disposizione, nell'arco dei prossimi tre anni, delle imprese con un fatturato annuo non superiore a 500 milioni di euro.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.