lunedì 27 luglio 2009

Le clausole nei contratti di mutuo sono spesso ingiustificate!


Le clausole sono parte di un contratto legale e mirano a fissare, di volta in volta, alcuni aspetti particolari del medesimo con l'intento di regolare in toto ogni determinazione volitiva inscindibile contenuta nel contratto.

Partendo dalla legge numero 52 del 1996, inerente tutta una serie di norme a tutela dei consumatori, ci si rende conto di come all'interno dei contratti bancari sono, a volte, ancora presenti clausole che per svariati motivi non si riescono ancora ad eliminare e che, ad un'analisi più approfondita, risultano essere ingiustificate o addirittura illogiche.

Leggendo e rileggendo attentamente diversi contratti di mutuo ci si può trovare di fronte a clausole che, sotto il profilo della disciplina del rapporto tra banca e cliente, destano forti dubbi di abusività o di leggittimità.

In particolare ci riferiamo, ad esempio: 1) a quelle che stabiliscono quale sia il foro competente in caso di controversie legali (di norma è quello ove è ubicata la sede della banca e non, come sarebbe più logico e meno dispendioso per il soggetto più debole, quello della residenza del consumatore); 2) le clausole in forza delle quali gli estratti conto della banca fanno sempre piena prova contro la parte mutuataria; 3) le assurde clausole che privano il mutuatario del diritto di chiedere la cancellazione della garanzia ipotecaria dopo che il mutuo è stato integralmente rimborsato; 4) le clausole che vietano, in termini assoluti, l’accollo del debito derivante dal mutuo; 5) le clausole con le quali si inibisce in modo rilevante l’uso dell’immobile cauzionale; 6) le clausole che derogano al regime di parziarietà e sussidiarietà previsti, in materia di obbligazioni, dalla disciplina della comunione legale; 7) le clausole che abilitano la banca a risolvere il contratto a fronte del mancato rispetto di obbligazioni troppo generiche, o non particolarmente significative, o non corrispondenti a interessi meritevoli di tutela; 8) le clausole che trasferiscono sul mutuatario gli oneri tributari diretti della banca; 9) appaiono, inoltre, abusive le clausole che pretendono di consentire alla banca di modificare unilateralmente, e senza giustificato motivo, le condizioni economiche del contratto, compreso il tasso di interesse. E’ evidente che il cliente che contrae un mutuo fa pieno affidamento sul tasso e sulla durata convenuti, e da lui accettati, in base alle previsioni di reddito che si presume gli consentano un regolare adempimento delle obbligazioni assunte.

In linea di principio, è legittimo affermare che il cliente deve sempre avere la possibilità di decidere che tipo di mutuo contrarre, tra uno a tasso fisso, misto o variabile, ed è l'unico responsabile del rischio di questa scelta. Non sembra, invece, dal punto di vista legale, compatibile con la natura del contratto di mutuo, che tali elementi di base possano essere modificati unilateralmente e discrezionalmente dalla banca, la quale aumenti, ad esempio l’importo del tasso fisso, o il parametro di riferimento di quello variabile, o i punti di maggiorazione di quest'ultimo (lo spread), o costringa il mutuatario, se non vuole aderire a tali modifiche, ad uscire anticipatamente dal rapporto.

Come si evince da questo breve elenco, sono numerose le postille alle quali è necessario prestare la massima attenzione all'atto della stipula di un contratto di mutuo. Ove previste, tutte le clausole testé elencate, una volta firmato il contratto, non sono modificabili né eliminabili, ragion per cui non sarebbe una cattiva idea farsi assistere da un legale, magari amico, al fine di trovare, quando possibile, delle soluzioni che più si confanno alle proprie reali esigenze.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.