lunedì 4 giugno 2012

Prestiti per comprare auto e moto in picchiata!

I prestiti finalizzati all'acquisto di auto e moto, erogati ai privati dai concessionari, l'anno scorso hanno segnato un calo del 9,9% su base annua, attestandosi sui 10,8 miliardi di euro circa. Il calo si è fatto sentire maggiormente nel corso del primo trimestre (-18,9% su base annua) perché nel 2010, al contrario, tra gennaio e marzo, la domanda di finanziamenti era stata elevata a causa degli incentivi alla rottamazione di auto inquinanti. Nei due trimestri successivi, invece, la contrazione dei finanziamenti si è andata attenuando (meno 6,2% nel secondo e meno 3,8% nel terzo) con una lieve ripresa però durante il quarto (meno 7,4% rispetto al 2010). Il calo che ha riguardato i finanziamenti per l'acquisto di auto nuove è stato pari al 7,5% ed è dovuto alla contrazione delle immatricolazioni. Quelle di auto nuove, nel 2011, sono state pari a 1 milione e 758 mila circa, in calo del 10,3% rispetto al 2010. I flussi per l'acquisto di auto usate sono diminuiti invece in modo molto superiore, contraendosi del 16,3%, in parte a causa del calo dei trasferimenti di proprietà, in discesa del 2,7% rispetto al 2010. Sul fronte delle moto, i prestiti finalizzati all'acquisto hanno segnato su base annua un calo del 13,9% che è in linea con l'andamento delle immatricolazioni. Lievemente meno penalizzati dalla contrazione delle erogazioni sono stati gli intermediari finanziari "captive", cioè quelli controllati direttamente dalle case automobilistiche: nel 2011, i volumi delle erogazioni di prestiti che hanno intermediato sono diminuiti dell'8,3%. Invece i cosiddetti operatori "multifranchise", quelli cioè che lavorano per case diverse, hanno scontato un calo superiore (-11,1%). In termini di quote di mercato degli operatori, tuttavia, rispetto al 2010 c'è stata una sostanziale stabilità, con gli operatori "captive" rimasti al 43% delle erogazioni di finanziamenti finalizzati e i "multifranchise" al restante 57%. L'importo medio finanziato per pratica è diminuito di circa 100 euro a 11.200 euro circa nello scorso anno. Di pari passo si è assistito a una ripresa dell'allungamento delle durate dei contratti di finanziamento, che erano invece andate calando sin dal 2009 rispetto agli anni precedenti. Il 17% dei finanziamenti dura oltre 5 anni (aumentando rispetto al 15% del 2010), mentre sono cresciuti dal 23% al 26% i contratti di durata tra 4 e 5 anni. I lavoratori dipendenti restano ampiamente i maggiori clienti di questa tipologia contrattuale, con il 65% dei finanziamenti, seguiti dai professionisti (17%), da altri soggetti (16%), dalle società e dai lavoratori atipici (entrambi all'1%). Anche nel 2011 è aumentato al 78%, il 3% in più rispetto all'anno precedente, l'indice che misura l'incidenza dei finanziamenti per l'acquisto di un'auto nuova degli operatori associati ad Assofin, sul totale delle immatricolazioni effettuate dai consumatori privati. Questo indice comprende sia i contratti di finanziamento stipèulati dal concessionario, sia quelli ottenuti sotto forma di prestito personale o di cessione del quinto dello stipendio. Come avvenuto anche nel 2010, l'indice è aumentato grazie all'espansione della quota dei contratti di credito non finalizzato (i prestiti personali e le cessioni del quionto dello stipendio), mentre la percentuale dei prestiti finalizzati firmati con il concessionario, pur continuando a ricoprire un ruolo fondamentale di sostegno alla vendita, è rimasta stabile. Non è possibile, però, fare una comparazione esatta con l'andamento di questa tipologia di forma contrattuale nel 2010, perché dal 2011 le statistiche sui finanziamenti finalizzati all'acquisto di autoveicoli sono distinte a seconda che il destinatario sia un soggetto privato (finanziamenti autoveicoli e motocicli), o una società (finanziamenti veicoli business). Le variazioni percentuali dei finanziamenti autoveicoli e motocicli, dall'anno scorso, vengono calcolate al lordo dei finanziamenti per veicoli business, mentre fino al 2010 le due tipologie costituivano un'unica voce. Non è stato tuttavia possibile calcolare le variazioni percentuali delle diverse tipologie di finanziamento finalizzato per l'auto nuova.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.