giovedì 7 giugno 2012

I prestiti personali crescono del 4,3%

Le erogazioni di prestiti personali hanno chiuso il 2011 in crescita del 4,3%, in termini di valore, rispetto all'anno precedente. Il valore complessivo dei contratti firmati è stato pari a quasi 20 miliardi di euro. Ma la tendenza delle erogazioni è andata smorzandosi gradualmente durante l'anno. Dopo il buon risultato del primo trimestre, quando si era registrato un aumento del 10,7% rispetto allo stesso periodo del 2010, la crescita è rallentata fino a diventare contrazione nell'ultimo trimestre: tra ottobre e dicembre, infatti, i valori erogati sono diminuiti su base annua dell'1,2%. La migliore tenuta dei prestiti personali rispetto alla contrazione dei contratti finalizzati, secondo Assofin, "è da attribuire ancora alla maggiore focalizzazione degli operatori sul prodotto, date le difficoltà di altre tipologie di finanziamento, più colpite dalle nuove disposizioni normative, oltre al maggior utilizzo del canale bancario, che riesce a intercettare una clientela molto vasta e caratterizzata da un rischio di credito più contenuto, nel suo collocamento. I consumatori, inoltre, ne apprezzano la flessibilità nell'utilizzo e nella definizione di importo e durata". 

Se l'analisi si concentra sulle caratteristiche del prodotto, emerge che nel 2011 si è assistito all'innalzamento del valore medio delle erogazioni per contratto, che hanno raggiunto i 12.100 euro. Una tendenza alla quale si è accompagnato un marcato spostamento delle preferenze dei clienti per le durate contrattuali più lunghe. Questo, ovviamente, per rendere più sostenibile l'impegno finanziario delle rate, ma con un aggravio del costo finale del contratto, misurato dal montante, dovuto all'aumento del numero delle rate e, quindi, alla maggior quota di interessi pagata al termine del prestito. Si osserva, infatti, un deciso aumento del peso delle durate contrattuali superiori a 5 anni, che hanno raggiunto il 63% dei flussi in termini di valore, con un balzo di ben 13 punti percentuali rispetto al 50% fatto segnare durante il 2010. Ne hanno sofferto, ovviamente, le erogazioni per contratti di durate inferiori: quelli tra i 4 e i 5anni sono stati pari, in valore, al 17% del totale, con un calo di 5 punti percentuali rispetto al 2010, mentre i prestiti personali di durata tra i 3 e i  4 anni hanno pesato per il 9% appena dei quasi 20 miliardi di euro erogati dagli operatori associati ad Assofin: in questo caso, la contrazione è stata addirittura di 7 punti percentuali rispetto al 16% che valevano, sul totale dei crediti, nel 2010.

Quanto alla tipologia di clienti, anche per i prestiti personali le distinzioni ricalcano quelle dei contratti finalizzati, con una maggiore accentuazione della categoria dei lavoratori dipendenti. A questi, nel 2011 è andata la firma dei 3/4 dei contratti, seguiti dai professionisti (con il 14%), dagli altri clienti (che comprendono i pensionati e le casalinghe e valgono il 17% del totale dei contratti) e dai lavoratori atipici, cui spetta il restante 3%. Seppure per i prestiti personali non esista una correlazione diretta, come nel caso dei contratti finalizzati, con l'acquisto di beni e servizi predeterminati, grazie a recenti ricerche di mercato è possibile stabilire la destinazione di queste forme di finanziamento. I beni di consumo finanziati sono sostanzialmente gli stessi dei prestiti finalizzati, con l'auto (nuova e usata) al primo posto, seguita dall'arredamento, dall'elettronica e dagli elettrodomestici. Un ruolo importante, in questo caso, è giocato però dalla destinazione delle somme ricevute alla ristrutturazione delle case e di altri immobili: in questo caso, infatti, i contratti di prestito personale sono una valida alternativa ai mutui immobiliari.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.