lunedì 22 ottobre 2007

Crescerà lo spread sui finanziamenti alle imprese. Un magnifico modo per soffocare l'economia!

Ad affermarlo è stato l'Amministratore Delegato di Unicredit Banca, Alessandro Profumo.

Una vera e propria mazzata per le imprese italiane, (soprattutto quelle medio-piccole sono il vero motore dell'economia nazionale!), potrebbe essere l'aumento dello spread, ovvero il margine di guadagno degli istituti di credito sui finanziamenti erogati. Se la previsione dell'AD di Unicredit Banca, Alessandro Profumo, si realizzerà, potremo assistere ad una profonda crisi delle imprese italiane, già in sofferenza per via dell'enorme pressione fiscale cui sono sottoposte. Profumo ha dichiarato che "il credito diventerà più costoso per le imprese italiane, ma non mi aspetto delle ricadute sull'economia reale". Onestamente ci sembra che in quest'affermazione vi sia una contraddizione di fondo. Se, com'è noto, l'economia reale, in Italia, è movimentata dalle imprese che producono reddito e offrono lavoro, vorremmo sapere in che termini un aggravio dei costi delle somme erogate alle imprese non potrebbe avere conseguenze... Ancora secondo Profumo "le banche sono costrette a tenere sui propri bilanci i prestiti e, quindi, c'è meno capitale disponibile". Ma non è mica colpa delle imprese se i mercati, ogni giorno, bruciano miliardi di euro tra le maglie degli speculatori! In sostanza, le affermazioni di Profumo, non solo non ci convincono ma, a ben vedere, ci terrorizzano e non poco! Il costo del denaro è già alto ed i costi legati alle operazioni finanziarie sono diventati insostenibili! A nostro avviso si rischia il tracollo finanziario delle aziende e di sicuro non è una circostanza che l'Italia può permettersi!
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.