sabato 29 novembre 2008

Price cap sui mutui a tasso variabile a partire da gennaio 2009

Il Ministero dell'Economia, all'interno di un pacchetto più ampio di provvedimenti volti a ridurre il costo dei mutui a tasso variabile, a partire dal primo gennaio 2009 potrebbe istituire un "price cap", ovvero un tetto massimo del 4% sui mutui già posti in essere. Questa soglia appare decisamente più alla portata dei disastrati bilanci delle famiglie italiane. Se veramente il provvedimento verrà attuato ci sarà da tirare un bel sospiro di sollievo!

E' auspicabile che questa misura, ancora allo studio da parte dei tecnici del Ministero, venga estesa anche ai nuovi mutui, cioè quelli contratti a partire dall'1 gennaio prossimo. A porre un freno, in tal senso, all'iniziativa del Governo ci ha pensato l'intero sistema bancario che, compatto, si è mostrato preoccupato per il rischio di soverchiata autonomia imprenditoriale.

L'indice è stato puntato in particolar modo sul ventilato cambio di tasso base di riferimento che, a ragion veduta, gli analisti del Ministero, dati alla mano, vorrebbero fosse l'Irs (Interest Rate Swap), già utilizzato per la determinazione dei tassi da applicare ai mutui a tasso fisso, e non più l'Euribor (tasso al quale le banche si prestano denaro) che si è rivelato particolarmente volatile nell'ultimo periodo.

Altre perplessità sono emerse in merito agli extra costi derivanti dall'introduzione del "price cap" e per ciò che attiene la raccolta obbligazionaria.

In tal senso, il Ministero, ha già fatto sapere che lo Stato interverrà a favore del sistema bancario attraverso il credito d'imposta e non, come si pensava, attraverso fondi pubblici messi a disposizione dalla Cassa Depositi e Prestiti.

Insomma, i presupposti per un radicale cambiamento di rotta ci sono tutti e, nonostante i soliti ostruzionismi da parte delle banche, da sempre aliene e sorde a qualsiasi novità venga introdotta a favore dei consumatori, questa volta pare proprio che dovranno far capolino.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.