lunedì 10 novembre 2008

La Consob ha vietato l'operatività ad un trader per presunta manipolazione del mercato

Sul caso, del quale si fa un gran parlare in questi giorni, la Consob mantiene il più stretto riserbo.

Il procedimento in corso è volto a verificare l'eventuale sanzionabilità dei comportamenti tenuti da un trader online, tale Paolo Banchero, reo di aver utilizzato pratiche manipolative che vanno dal "wash trades" (operazioni fittizie), all'"improper matched orders" (ordini abbinati in modo improprio da soggetti che agiscono di concerto) fino al "pump and dump" (letteralmente gonfiare e scaricare, anche diffondendo informazioni fuorvianti su un titolo posseduto).

Della cosa si è ampiamente occupato Marco Barlassina di "Finanza Magazine" che ha, tra le altre cose, spiegato in maniera molto semplice e comprensibile ogni aspetto tecnico della vicenda.

"Nello specifico, ha detto Barlassina, le operazioni di "wash trades" si realizzano quando nell'effettuare operazioni di acquisto o di vendita di uno strumento finanziario non si determina alcuna variazione nei rischi di mercato di colui che mette in atto le operazioni. Gli "improper matched orders" descrivono invece una situazione in cui ordini di acquisto e di vendita aventi gli stessi prezzi e i medesimi quantitativi sono immessi da soggetti che agiscono di concerto e contemporaneamente. Infine "pump and dump" indica l'apertura di una posizione lunga su uno strumento finanziario diffondendo informazioni fuorvianti positive in modo da aumentarne il prezzo".

L'analisi di Barlassina entra poi nello specifico e spiega tecnicamente qual'è il meccanismo alla base dell'operato di Banchero: "Individuato un titolo sottile, ossia caratterizzato da scarsa liquidità e da prezzo soggetto a elevata volatilità anche in seguito a ordini contenuti, due controparti, A e B, si accordano per incrociare operazioni di acquisto e di vendita a prezzi crescenti, tramite l'inserimento pressoché simultaneo di proposte di negoziazione per pari quantità e prezzo. L'ascesa delle quotazioni del titolo attira altri investitori, che in questa fase intravvedono addirittura la possibilità di salire sul treno in corsa di una possibile operazione straordinaria in capo alla società, specie se nel frattempo sono state diffuse indiscrezioni ad hoc. Il prezzo del titolo allora sale ulteriormente. A questo punto, raggiunto un prezzo prestabilito, A e B iniziano a dismettere i loro pacchetti iniziali a un qualsiasi signor Rossi attirato dal clamore intorno al titolo, e questo chiaramente a un valore che sarà mediamente più alto di quello iniziale. Ad A e B non resta che passare alla cassa, con il solo costo delle commissioni per gli eseguiti".

Tutte le pratiche manipolative, al di là di ciò che ognuno può autonomamente pensare, dati alla mano, hanno come effetto finale quello di privare gli investitori corretti di un efficiente meccanismo di formazione dei prezzi se non addirittura di dare vita a una rete dalla quale può rivelarsi difficile uscire se non con una minusvalenza.

Paolo Banchero, intanto, ha inviato alla Consob una lettera per sostenere la regolarità del proprio operato, chiedendo un'audizione presso gli uffici della Commissione. La prassi vuole che, al termine degli accertamenti, potrà essere elevata una contestazione formale alla quale il trader dovrebbe rispondere con le proprie controdeduzioni. Alla fine toccherà alla Commissione decidere per l'archiviazione o per l'avvio di un procedimento sanzionatorio.

Secondo voi chi ha ragione, la Consob o il trader online Paolo Banchero?
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.