martedì 29 luglio 2008

Entro la fine del 2010 le carte di credito dovranno essere dotate di microchip!

Entro la fine del 2010, gradualmente, tutte le carte di credito e di pagamento, attualmente in circolazione, verranno sostituite con delle card multi-funzione dotate di microchip.

Questa rivoluzione, figlia del progetto SEPA (area unica dei pagamenti in euro), permetterà agli utenti di utilizzare non più uno strumento nato solo per effettuare prelievi e pagamenti, ma una vera e propria chiave d'accesso ad una miriade di servizi evoluti (accesso diretto ed automatico negli stadi di calcio - come la carta del tifoso di Intesa Sanpaolo - o nelle metropolitane, ad esempio).

In virtù dei miglioramenti che saranno apportati alla tecnologia contactless, dovranno essere adeguati anche i POS, ovvero i lettori per i pagamenti che si trovano presso la quasi totalità degli esercizi commerciali, e gli ATM, ovvero gli sportelli automatici predisposti per effettuare prelievi di denaro contante.

L'Abi (Associazione Bancaria Italiana), ha dichiarato che, a tutt'oggi, sono state immesse sul mercato o adeguate alle nuove norme circa il 40% delle carte, il 52% degli Atm e il 70% dei Pos. Tuttavia, è bene ricordare che nel computo complessivo, l'Abi ha tenuto conto anche delle carte emesse dopo il primo gennaio 2008 che, come noto, già rispondono alle caratteristiche di sicurezza dettate dalla SEPA.

Tra i tanti utilizzi possibili delle nuove carte di credito e di debito dotate di microchip citiamo, oltre alle applicazioni da smart card già viste in precedenza (ovvero l'essere supporti sui quali caricare abbonamenti o importi da scalare), anche l'uso per effettuare pagamenti contactless nonché l'essere dispositivi dotati di una maggiore flessibilità nei prelievi (aumento temporaneo del tetto massimo di prelievo giornaliero) e nei pagamenti.

Un altro ambito, da tenere in debita considerazione, è quello legato alla sicurezza delle transazioni che risentiranno del principio denominato "liability shift" secondo cui, in caso di frode, il danno economico viene addebitato all'anello più debole della catena (ovviamente sotto il profilo della sicurezza), pertanto, se un cliente paga con una carta di credito dotata di microchip ma il negoziante ha un Pos di veccia generazione, in caso di frode o contraffazione sarà quest'ultimo a rimetterci perché non ha adeguato la strumentazione alle nuove tecnologie.

Anche l'aspetto delle card sarà totalmente personalizzabile e, come già oggi avviene per i titolari della carta Ego Solo Tua, emessa dal Credito Emiliano, o i titolari della carta revolving Mya della Ducato, sarà possibile scegliere il layout grafico che più si preferisce o, ancor meglio, come già avviene nelle Canarie, ottenere una carta Mastercard così piccola da poter essere addirittura inserita nel portachiavi.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.