venerdì 25 luglio 2008

Meglio i Bot o i fondi comuni d'investimento?

E' meglio investire i propri risparmi in Bot o in Fondi Comuni d'investimento? Questa è la domanda che si è posto, ed alla quale ha cercato di dare risposta, Marco Cobianchi de "Il Sardegna", nel corso di quella che potremmo definire una lucida e puntuale analisi strutturale inerente questi due strumenti finanziari tanto cari agli investitori di casa nostra.

"I motivi per i quali gli italiani non affidano più i propri risparmi ai fondi comuni sono due: - esordisce Cobianchi - rendono poco e costano molto. Per questo, chi riesce ancora a risparmiare, è tornato ad acquistare i Bot che, rendono uguale, costano meno e sono praticamente senza rischi."

"In mancanza di clienti - continua Cobianchi - le società che gestiscono i fondi comuni sono andate in crisi: basti pensare che nel 1999 amministravano soldi pari al 42% del PIL, oggi solo il 16%. Per questo la Banca d'Italia è corsa in aiuto dell'industria dei fondi comuni ed ha proposto due interessanti riforme: la prima è quella di far pagare le tasse (oggi al 12,50%) a chi versa i soldi solo sul guadagno realizzato quando si ritirano i soldi e non sul maturato, ovvero sulla crescita di valore delle quote del fondo (anche se non vengono ritirati i soldi); la seconda proposta è quella di aumentare la concorrenza tra le società di gestione staccandole dalle banche."

"Queste due proposte della Banca d'Italia sono si condivisibili - secondo Marco Cobianchi - ma non intaccano il cuore del problema che è, come detto, che i fondi rendono poco e costano molto. Se si vuole che gli italiani ritrovino la fiducia perduta in questo strumento di investimento, occorre che gli operatori del settore aumentino la loro professionalità e abbassino i costi (soprattutto quelli occulti) che gravano sul cliente."

"E' difficile spiegare ad un risparmiatore come possa, un fondo che investe in azioni italiane, rendere meno del semplice indice della Borsa Italiana o come un fondo obbligazionario possa perdere soldi mentre le obbligazioni italiane ne guadagnano. Evidentemente - dice sempre Cobianchi -, oltre alla normale e comprensibile volatilità dei mercati, c'è qualcuno in quegli uffici, che gestisce soldi non suoi, che non sa fare il proprio mestiere."

"Ed è anche difficile spiegare il motivo per il quale un sottoscrittore di un fondo debba pagare delle commissioni per il solo fatto di decidere di investire in quel fondo, o ne debba pagare delle altre quando decide di uscirne o che il gestore che amministra i suoi risparmi venga remunerato, anche, sulla base della quantità di soldi che gestisce invece che, soprattutto, sulla performance. Davvero difficile. Di fronte a queste domande - conclude Cobianchi - serve a poco modificare il sistema di tassazione, anche se quello proposto da Bankitalia va a tutto vantaggio del risparmiatore. Il sistema dei fondi italiani ha bisogno solo di due cose: trasparenza sui costi e gente in gamba".
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.