giovedì 24 luglio 2008

Prestito SuperQuinto, il prestito su misura per i dipendenti della Pubblica Amministrazione


Nel mare magnum dei prodotti finanziari, oggi disponibili sul mercato, mancava un'offerta esclusivamente riservata ai dipendenti degli Enti pubblici ai quali il Ministero dell'Economia e della Finanza paga gli stipendi.

E' nato così, da un accordo tra lo stesso Ministero e il Gruppo Unicredit, il prestito "SuperQuinto", un finanziamento snello e scevro da odiose complicazioni burocratiche che può essere richiesto e concesso per qualsivoglia finalità, senza, per altro, che venga richiesta la benché minima garanzia patrimoniale o immobiliare.

Il meccanismo alla base di "SuperQuinto" è molto semplice. Una volta fatta la richiesta, per un importo massimo non superiore ai 40.000 euro, restituibili in un range temporale che va dai 2 anni ai 10, verrà presa in esame la pratica e, qualora il dipendente richiedente non abbia già in essere ulteriori finanziamenti attivi, entro 24 ore sarà in grado di ricevere la cifra richiesta (a mezzo bonifico accreditato sul conto corrente della banca), senza che sia necessario produrre giustificativi di spesa.

Il piano d'ammortamento del prestito prevede il saldo mensile del debito, tramite trattenuta in busta paga, per un ammontare massimo pari ad un quinto dello stipendio. La banca, ed è questa la novità più importante, riceverà i pagamenti direttamente dal datore di lavoro che, a sua volta, si è assunto la responsabilità di adempiere puntualmente ai rimborsi.

Le rate sono posticipate e di importo sempre uguale, onnicomprensivo di quota capitale, quota interessi e quota assicurativa (quest'ultima voce comprende le coperture assicurative obbligatorie per legge che sono il rischio vita e il rischio impiego).

La penale prevista per l'eventuale estinzione anticipata totale del finanziamento è pari all'1% del capitale residuo ma con una soglia massima decisamente bassa, pari appena a 50 euro!

Non ci sono spese d'istruttoria della pratica, però, al momento dell'erogazione del prestito, è previsto il recupero dell'imposta sostitutiva che, attualmente è pari allo 0,25%.

I documenti da presentare sono pochi e di facile reperibilità: a) documentazione anagrafica dei richiedenti il finanziamento; b) documentazione relativa alla capacità reddituale del richiedente, ovvero la propria busta paga.

"SuperQuinto" si rivolge ad una potenziale platea di 1.500.000 dipendenti pubblici, tra cui gli insegnanti ed il personale scolastico in generale, tutte le Forze dell'ordine, i dipendenti ministeriali, quelli dei tribunali e dell'Agenzia delle Entrate.

Un esempio concreto di finanziamento: cifra richiesta 10.000 euro; TAN 5%, TAEG 9%; rimborso mensile di 125 euro in 120 rate (10 anni). Quindi, a fronte di un prestito di 10.000 euro, alla fine del finanziamento, il richiedente avrà rimborsato alla banca 15.000 euro, ovvero 5.000 in più rispetto a quanti ne ha ricevuti.

Di seguito riportiamo un breve elenco delle Amministrazioni pubbliche convenzionate, i cui dipendenti possono richiedere il prestito "SuperQuinto":

- MINISTERO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI
- MINISTERO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE
- MINISTERO DELLA DIFESA
- MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI
- MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI
- MINISTERO DELL'ECONOMIA E FINANZE (EX FINANZE)
- MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
- MINISTERO ATTIVITA' PRODUTTIVE (EX INDUSTRIA)
- MINISTERO DELL'INTERNO
- MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI(EX LLPP)
- MINISTERO DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI
- MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI (EX MM)
- MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI
- MIN. ISTRUZIONE UNIVERSITA' E RICERCA (EX PI)
- MINISTERO DELLA SALUTE
- ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA'
- MINISTERO DELL'ECONOMIA E FINANZE
- MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI (EX MCTC)
- PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
- MIN. DELL'AMBIENTE E TUTELA DEL TERRITORIO
- ARCHIVI NOTARILI
- CONSIGLIO RICERCA E SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA -CRA
- ISTITUTO AGRONOMICO PER L'OLTREMARE
- ENTE NAZIONALE CELLULOSA E CARTA
- AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA
- CONSIGLIO DI STATO E T. A. R.
- AGENZIA DELLE DOGANE
- AGENZIA PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE E I SERVIZI TECNICI
- REGISTRO ITALIANO DIGHE
- MIN. INFRASTRUTTURE E TRASPORTI (EX AV.CIV.)
- CORTE DEI CONTI
- AGENZIA DELLE ENTRATE
- AGENZIA DEL TERRITORIO
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.