giovedì 26 luglio 2012

Le banche sono tutte d'accordo. L'imperativo è erogare meno mutui possibili

Le banche sono tutte d'accordo. L'imperativo è erogare meno mutui possibili! Da qualche tempo un'insolita lentezza inerente tutto l'iter burocratico che sta intorno alla concessione dei mutui ha fatto scattare un campanello d'allarme. Come mai tanta lentezza nell'effettuare l'istruttoria o altre pratiche? Semplice. Le banche, anche tramite circolari interne, hanno dato ordini precisi ai propri funzionari. Scoraggiare la clientela costringendola a subire interminabili attese, inducendola a mollare. Ad affermarlo è stato uno dei responsabili del retail di una delle principali banche italiane che, per ovvie ragioni, preferisce restare anonimo (le dichiarazioni sono state rilasciate in esclusiva all'agenzia di stampa AdnKronos). "Basta una clausola diversa, un termine anticipato o un tetto alzato di poche migliaia di euro, magari con disposizioni temporanee e facilmente occultabili in caso di necessità, per decretare il fallimento di un'istruttoria di mutuo" - continua il manager -  "se poi questo meccanismo si applica tenendo conto della tipologia di pratiche che abitualmente arrivano alla stipula, è facile comprendere come regolare il flusso di nuovi mutui sia per la banca semplice come aprire o chiudere un rubinetto". A confermare questa tendenza negazionista ci ha pensato l’agenzia di indagini online QuestLab che, per conto di bankitalia, in collaborazione con Agenzia del territorio e Tecnoborsa ha reso noti i dati relativi alla propria indagine del mercato immobiliare relativa al primo trimestre 2012. Il dato che maggiormente emerge dall’analisi è la conferma del drammatico calo delle concessioni di mutuo a potenziali acquirenti che si vedono costretti a rinunciare all’acquisto di una casa per la quale avevano intrapreso il processo preliminare di compravendita con l’intermediazione dell’agenzia immobiliare. La difficoltà del reperimento di un mutuo rappresenta quindi lo scoglio principale e documentato che le agenzie denunciano come causa principale del calo attuale e conclamato delle compravendite. Sembra un dato paradossale, eppure non lo è. Ci si chiede, infatti, ma le banche non traggono guadagno dalla concessione di un mutuo? La risposta è si, ma in questo particolare momento storico, in cui le banche soffrono a causa di una incredibile crisi di liquidità derivante dalle speculazioni che imperversano sui mercati finanziari, il rapporto tra la raccolta e gli impieghi, si è sbilanciato notevolmente e il mercato interbancario è statico. In questo contesto, per le banche diventa molto più redditizio fare trading sui titoli di Stato, prendendo soldi dalla Bce all'1% e reinvestendoli in titoli di Stato più remunerativi, che non disperdere liquidità nell'economia reale, a imprese e famiglie, attraverso l'erogazione di finanziamenti e mutui.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.