martedì 10 aprile 2012

Polizze e mutui, una querelle infinita

Nel corso della conversione in legge del decreto sulle liberalizzazioni è arrivato l'ennesimo provvedimento sulla questione polizze mutui, già oggetto di numerose polemiche in merito alle provvigioni elevatissime che finiscono in tasca agli istituti di credito. Con l'ultimo atto che spetterà all'Authority siamo a quota quattro interventi nell'arco di pochi mesi. Ad aprire le danze è stata l'Isvap (il cui duello sulla materia con banche e assicurazioni dura in realtà da diversi anni), con la delibera del 6 dicembre 2011 in cui si stabilisce che dal 2 aprile 2012 le banche non possano essere contemporaneamente intermediarie e beneficiarie delle polizze legate ai prestiti per l'acquisto della casa. Poi è stato il turno di Mario Monti, che nel Decreto Salva Italia, all'articolo 36 bis, ha inserito un passaggio per definire pratica commerciale scorretta, sanzionabile dunque dall'Antitrust in base all'articolo 21 del codice del consumo, l'abbinamento tra polizze e mutui. Poi il principio è stato rafforzato nella formulazione uscita dal senato del testo sulle liberalizzazioni. All'articolo 28 si stabilisce, infatti, che la banca debba obbligatoriamente presentare al cliente almeno due preventivi per le polizze vita legate ai mutui, e, soprattutto, debba lasciare il cliente libero di scegliere una terza polizza trovata autonomamente sul mercato che abbia le stesse condizioni. La palla ora torna di nuovo all'Authority guidata da Giancarlo Giannini. Entro 30 giorni dall'approvazione della legge sulle liberalizzazioni l'Isvap dovrà stabilire modalità e requisiti con cui dovranno essere presentati i preventivi al cliente, nel caso in cui la banca ritenga indispensabile al momento della concessione di un mutuo la contemporanea sottoscrizione di una polizza vita per tutelarsi rispetto ad un'insolvenza del debitore. L'articolo 28 del dl liberalizzazioni fa esplicito riferimento all'articolo 138 del codice delle assicurazioni e al ruolo dell'Isvap nel regolare la materia. Il che dovrebbe garantire la chiusura definitiva della tenzone.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.