venerdì 27 aprile 2012

L'iscrizione al Crif è un incubo dal quale è difficile uscire

Di questi tempi, più che della fedina penale pulita bisognerebbe preoccuparsi di avere una storia creditizia immacolata: il che vuol dire non solo avere puntualmente onorato precedenti finanziamenti, ma anche non aver ricevuto alcun rifiuto da parte di un ente di credito alla richiesta di un prestito. Si rischia, altrimenti, di essere tagliati fuori, per un certo tempo, dalla possibilità di accedere al credito. Un caso molto frequente, purtroppo, prevede il rifiuto, da parte di un istituto di credito, della concessione di un prestito ad un soggetto ritenuto poco solvibile, in molti casi, anche solo per il fatto di aver pagato in ritardo una rata di pochi euro, magari per l'acquisto di una lavatrice nuova. Ebbene, se una persona ha bisogno di un mutuo per l'acquisto della propria abitazione, non potrà ottenerlo, poiché il suo nome figurerà tra quelli presenti nella lista nera del Crif e nessun istituto di credito erogherà mai nemmeno un euro. Almeno finché il nominativo non sarà cancellato dalla banca dati. Nei casi più fortunati, almeno 40 giorni, nelle ipotesi peggiori si parla di alcuni anni. Ma com'è possibile? Di certo non ottenere il mutuo al primo colpo è oggi un rischio calcolato, ma c'è da chiedersi perché non ci si possa rivolgere con intatta speranza a un'altra banca già il giorno dopo il rifiuto da parte della prima. A impedirlo, purtroppo, è la legge, ma a complicare le cose le banche ci mettono del loro. Il meccanismo è questo: chiunque faccia una semplice richiesta di finanziamento viene automaticamente registrato nei Sistemi di informazione creditizie (Sic), di cui l'Eurisc, gestito da Crif (Centrale rischi finanziari) è il principale. Ora, avere avanzato la richiesta non è esattamente una macchia nel curriculum di un aspirante finanziato, ma la legge, per evitare il cosiddetto "credit shopping", cioè le richieste multiple di finanziamento nel breve periodo da parte dello stesso cliente, tutela le banche a discapito dei consumatori. Per legge, infatti, la richiesta di finanziamento, con nome, cognome e importo, viene cancellata dal sistema dopo 6 mesi dall'iscrizione, a meno che, prima di questo termine, intervenga il rifiuto della banca a erogare il prestito: in questo caso, l'informazione scompare dopo 1 mese dal rifiuto. Questo significa che per 30 giorni il consumatore si trova in una situazione paradossale: si è già beccato un rifiuto da una banca, ma non può nemmeno sperare di ottenere un si da un altro istituto di credito perché questo, consultando il Sic, troverà ancora il suo nome e gli risponderà picche. La situazione si complica, poi, se la banca che ha opposto il rifiuto tarda a comunicarlo al Crif. Il mancato aggiornamento non farà nemmeno decorrere il termine di 30 giorni e per ottenere la cancellazione della richiesta di finanziamento toccherà attendere il termine ben più lungo di 6 mesi. E intanto sfuma l'acquisto della nuova casa.

APPROFONDIMENTI


Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.