martedì 15 giugno 2010

ISC del conto corrente

L'ISC (Indicatore Sintetico di Costo) è una voce finora associata ai finanziamenti di tipo tradizionale, quali ad esempio, prestiti personali e mutui. Da un po' di tempo, invece, l'ISC è entrato a far parte della terminologia propria anche del conto corrente bancario o postale.

A differenza del suo omologo in uso per i finanziamenti, l'ISC del conto corrente rappresenta un'indicazione importante in merito a quelli che sono i costi annui da sostenere, tarati sulle singole esigenze di operatività di ciascun cliente. Questo ci fa capire istantaneamente che non è possibile avere, con precisione assoluta, dei dati fruibili per tutti. L'ISC del conto corrente, infatti, può variare di molto da caso a caso.

Per prima cosa è bene dividere in due categorie i conti correnti presenti oggi sul mercato. Com'è noto, infatti, quelli on line sono praticamente privi di costi o, comunque, le spese da sostenere sono quasi sempre inferiori rispetto al medesimo prodotto sottoscritto allo sportello.

In secondo luogo, bisogna verificare, in via preliminare che volume di operazioni si intende effettuare. Per conti ad operatività bassa (meno di 112 operazioni l'anno), ad esempio, il Conto Bancoposta risulta essere mediamente il più conveniente con 0,16 centesimi di euro per operazione ed un ISC di 18,18 euro. Per un conto su cui vengono canalizzate circa 164 operazioni, il migliore, al momento, risulta essere il "Conto Record" di Ubi Banca che è senza spese (ISC=0 euro). Il target famiglia è un tantino più complesso e variegato poiché le esigenze possono variare notevolmente da un nucleo all'altro. Per 201 operazioni l'anno, il top della categoria è rappresentato dal "Conto Barclays at Work Premier Life Promo" che in media ha un costo di 0,02 centesimi di euro ad operazione ed un ISC pari a circa 3,08 euro l'anno. Aumentando il numero delle operazioni a 228 il miglior prodotto è sempre quest'ultimo con una differenza di costi che va dai 3 centesimi in media per singola operazione (0,05 centesimi) fino a toccare i 12,32 euro l'anno di ISC.

Se si esclude l'offerta promozionale del Credito Emiliano, proponente del "Conto Senza Spese Star" (0,07 centesimi in media ad operazione e 18 euro l'anno di ISC), il miglior prodotto, fino a 253 operazioni annue, è sempre il "figlio" di casa Barclays con 0,13 centesimi ad operazione e un ISC di 32,32 euro l'anno. Questa leadership viene saldamente mantenuta anche per quanto riguarda i pensionati. Per loro, fino a 124 operazioni l'anno, questo conto ha un costo medio per singola operazione pari a 0,02 centesimi ed un ISC di 3,08 euro l'anno. Aumentando il numero delle operazioni, invece, il top della gamma è il "Conto Genius First" di Unicredit Banca con 0,21 centesimi ad operazione e 38,80 euro l'anno di ISC.

La Banca d'Italia, a seguito di un'indagine a tappeto su tutti i prodotti presenti sul mercato, nel 2008 aveva indicato in 114 euro netti l'anno i costi medi di un conto corrente. Stando, invece, alle rilevazioni attuali, supportate da una ricerca effettuata dal prestigioso settimanale "Plus 24" de "Il Sole 24 Ore" (da cui abbiamo atinto i dati presenti in questo post), il calo delle spese risulta essere assai evidente. Sul sito di Pattichiari è disponibile anche un motore di ricerca per comparare le offerte targhetizzandole in merito alle proprie esigenze.

APPROFONDIMENTI

- Conto corrente semplice ed ISC per garantire maggiore trasparenza!
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.