lunedì 12 novembre 2012

Secondo la tesi post-economica di Niko Paech il collasso è vicino

Più che un economista, lo si dovrebbe definire un post-economista. Niko Paech, docente di Produzione e Ambiente all'università di Oldenburg, ritiene che il modello di crescita globale dei consumi non sia più sostenibile. Almeno, non senza esigere un prezzo eccessivo sull'ambiente e sulle risorse naturali. La soluzione proposta da Paech è radicale: ripensare interamente il nostro modello di sviluppo economico. Potremo farlo volontariamente, riducendo la produzione di beni e imparando a vivere con l'essenziale; o esservi costretti, quando il prezzo del petrolio raggiungerà la soglia critica dei 200 dollari al barile trascinando al fallimento interi settori industriali. Secondo Niko Paech la crisi economica in corso è il primo sintomo di questo futuro collasso: "Il disastro finanziario che stiamo attraversando non sembra avere soluzioni possibili visto lo stile di vita europeo, in cui il benessere economico dipende dalla crescita dei consumi. La gente, nelle società consumistiche moderne, vive al di là dei propri mezzi. Quanta ricchezza avrebbero creato gli stati moderni se non si fossero indebitati? Per non parlare della crescente scarsità di risorse naturali che sono state consumate senza sosta", spiega l'economista. Ma lo sviluppo di energie verdi potrebbe aiutare a uscire dall'impasse? Paech non ne è certo: "Non per quanto si possa prevedere oggi. In un'economia in espansione, l'incremento della domanda può spazzare via qualsiasi beneficio derivante dalla dematerializzazione o dalla "ecologizzazione" della produsione di beni e servizi. Ciò diventa particolarmente drammatico quando le innovazioni nell'ambito della sostenibilità scatenano ulteriori flussi di consumi di materiali ed energia. In tal caso sono necessarie ondate di modernizzazione successive per contrastarne le ripercussioni ambientali previste".
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.