mercoledì 5 agosto 2009

Al via i risarcimenti per la ritardata surroga del mutuo

A far data da oggi, dopo la pubblicazione della legge di conversione del Decreto Anticrisi (Decreto Legge 78/2009) sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, le banche ree di operare in maniera farraginosa in materia di surroga, qualora nell'arco di 30 giorni non concedano al cliente il beneficio di usufruire di questo importante istituto previsto per legge, dovranno provvedere al pagamento di una penale pari all'1% del valore del mutuo, per ogni mese o frazione di mese di ritardo.

Sarebbe proprio il caso di dire: "era ora!" Sì, peccato però che nulla si sappia in merito alle formalità burocratiche da espletare per richiedere ed ottenere il risarcimento! Leggendo e rileggendo la Gazzetta Ufficiale, infatti, non siamo riusciti a trovare alcun riferimento procedurale, circostanza, questa, che di fatto rende la legge soggetta a varie interpretazioni.

A chi va presentata la domanda? Alla banca titolare del rapporto in essere (cedente) o alla nuova (cessionaria)? E, inoltre, se una domanda deve essere presentata va redatta in carta semplice o per mezzo di apposita modulistica?

Questa che, a prima vista, sembra una dimenticanza, di fatto, spalanca le porte a quello che in Italia è lo sport preferito dai burocrati, ovvero il rimbalzo delle responsabilità!

Lo scenario potrebbe benissimo essere questo. Il cliente presenta una domanda di risarcimento alla propria banca che potrebbe benissimo dire che la domanda va presentata alla banca subentrante, la quale, a sua volta potrebbe dire che il destinatario è la banca cessionaria. Per non parlare di qualche zelante impiegato che di fronte ad una domandina redatta in carta semplice si rifiuta di dar seguito alla pratica perché sostiene che il tutto va scritto su appositi modelli redatti ad hoc e magari, tanto per gradire, con tanto di marca da bollo.

Questa falla potrebbe essere veramente un boomerang per i clienti. Speriamo che chi di dovere se ne accorga presto e vi ponga rimedio!

APPROFONDIMENTI

- Surroga del mutuo in 30 giorni o la banca dovrà risarcire l'1% al cliente;
- Tre soluzioni per abbassare le rate del mutuo;
- Meglio la surroga o la rinegoziazione del mutuo?
- Decreto Anticrisi: Speciale mutui.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.