mercoledì 12 agosto 2009

Caro mutuo quanto mi costi! Al Sud più che al Nord e per Bankitalia è impossibile realizzare un ISC unico!

Non è una novità assoluta ma la recente indagine effettuata dalla Banca d'Italia ha fatto riemergere ancora una volta e, se possibile, con più forza un problema annoso che attanaglia le famiglie del Sud Italia, ovvero il caro mutui.

I tassi applicati dalle banche nel meridione sono da sempre più elevati rispetto a quelli praticati al Nord. Nel primo trimestre di quest'anno la forbice si attesta fra lo 0,4% e lo 0,6% e, pur essendo inferiore rispetto al punto percentuale registrato lo scorso anno, si mantiene grossomodo stabile rispetto al dato di inizio anno.

La ragione di questa differenza, sempre secondo la Banca d'Italia, è da ricercare nel maggiore tasso di criminalità che attanaglia il Sud Italia, fattispecie questa che, di fatto, indurrebbe gli istituti di credito a richiedere maggiori garanzie alla clientela. Inoltre, le imprese meridionali ricorrerebbero in misura minore ai prestiti autoliquidanti, prevalentemente anticipi su fatture, e in misura maggiore ai prestiti in conto corrente.

Il Taeg sui nuovi prestiti a medio e lungo periodo presenta i valori più elevati in Puglia (4,96%) e i più bassi (3,9%) in Piemonte. In questo caso è evidente come il divario sia dell'1,06% secco, ben al di là della suddetta media nazionale!

Da tempo ci si chiede se vi sia la possibilità di uniformare, su tutto il territorio italiano, i parametri che determinano queste sostanziali diversità. Più in particolare non sarebbe il caso di accorpare in un unico Indicatore Sintetico di Costo il Taeg e il Tegm?

Dal punto di vista dei consumatori sarebbe una vera manna dal cielo ma per la Banca d'Italia questa via non pare proprio percorribile. A dire il vero non si tratta del mero ostruzionismo al quale le banche ci hanno abituati ma l'impraticabilità dell'adozione dell'indicatore unico si basa su solide fondamenta. “L’Isc e il Taeg – ha spiegato in una nota Bankitalia - hanno la funzione di indicare ex ante il costo complessivo del prodotto offerto. Per i contratti di finanziamento, in cui è obbligatoria l’indicazione del Taeg, i due indicatori coincidono. Per il conto corrente, invece, non può essere usato il termine “Taeg” perché l’indicatore non esprime un tasso, ma un costo espresso in termini monetari”. Anche il Tegm non può essere accorpato: “Previsto dalla legge antiusura, questo tasso non indica il costo complessivo del prodotto offerto, ma un valore medio, rilevato trimestralmente attraverso dati di mercato, che serve a calcolare la soglia antiusura”.

Intanto, ad un'analisi più attenta ed articolata dei dati forniti da via Nazionale, si evince come, tutto sommato, il trend del mercato finanziario sia costantemente in crescita, indipendentemente dalla macro regione presa in esame. E' un mercato florido che, ad esempio, nel primo trimestre del 2009, ha fatto registrare un incremento della richiesta di liquidità, sotto forma di prestiti, del 5,7% rispetto allo stesso periodo del 2008 nella sola regione Campania.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.