venerdì 22 maggio 2009

Credito al consumo: deficitaria la trasparenza!

Compri oggi, paghi domani! E’ uno slogan che gli italiani conoscono benissimo, perché, negli ultimi anni, ha fatto impennare la percentuale degli acquisti effettuati tramite il credito al consumo. Le offerte proposte attraverso mirate campagne pubblicitarie hanno, infatti, convinto anche i consumatori più restii ad abbandonare il pagamento in contanti per passare a quello a rate.

Un metodo semplice che consente di acquistare subito un bene, come l’auto, il frigorifero, la televisione, per poterlo, poi, ripagare con piccole e “comode” rate, ogni mese. Il tutto senza spese o, al limite con una percentuale molto bassa, relativa ai tassi d’interesse.

Ma è proprio sugli interessi che bisogna prestare molta attenzione. Ecco perché, di pari passo con il boom del pagamento rateale c’è sempre stata anche una campagna, da parte delle Associazioni dei Consumatori, nel mettere in guardia gli italiani da possibili fregature. Quali? In prima linea bisogna fare attenzione al TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) che comprende tutte le spese legate al finanziamento e che non è sempre ben evidenziato in fase di stipula del contratto. Anzi, secondo una recente indagine, condotta da Altroconsumo, su 285 offerte di rateizzazione, addirittura nel 70% dei casi, non è stata fornita alcuna informazione o i dati sul TAEG, forniti al consumatore, erano sbagliati.

Non solo, altri dati dimostrerebbero che, su 239 punti vendita, l’atteggiamento generale è improntato alla scarsa informazione o all’errore di calcolo sui costi effettivi.

A Roma, in un negozio di mobili, una proposta a tasso zero, in realtà, ha un tasso d’interesse del 25,68%, superando anche la soglia del tasso d’usura!

Altroconsumo, per bocca di Anna Vizzari, precisando di non voler demonizzare in alcun modo il mondo del credito al consumo e dei prestiti finalizzati che hanno una funzione essenziale, anche per la crescita economica del Paese, auspica che questi prodotti finanziari vengano offerti ai clienti in maniera chiara e trasparente in modo da offrire loro la possibilità di confrontare le condizioni prima della stipula del contratto.

L’inchiesta, portata a compimento da Altroconsumo, è avvenuta nel più semplice dei modi, ovvero, persone incaricate dall’associazione si sono recate presso diversi negozi mostrandosi interessate all’acquisto a rate, ad esempio, di un elettrodomestico o di un mobile, chiedendo delucidazioni in merito al finanziamento. E’ stata eseguita anche una verifica in merito alla disponibilità dei foglietti informativi, presso i punti vendita oggetto dell’indagine, e dell’informativa precontrattuale che, in base alla normativa sulla trasparenza del 2003, il cliente ha diritto di consultare se la richiede.

Dall’indagine è emersa la totale assenza dei foglietti informativi, presso i punti vendita visitati. In luogo di questi, è stata registrata una massiccia disponibilità di materiale pubblicitario che, ovviamente, non contiene informazioni tali da poter consentire al cliente di analizzare con dovizia di particolari ogni aspetto del finanziamento che va sottoscrivendo. Scarsa anche la disponibilità dell’informativa precontrattuale, riscontrata soltanto in due esercizi commerciali.

La colpa non è sicuramente degli esercenti che si trovano a dover effettuare contemporaneamente una vendita e il collocamento di un prodotto finanziario, fattispecie quest’ultima, per la quale non hanno un’adeguata formazione, ma delle società finanziarie che dovrebbero fornire adeguata assistenza professionale ai commercianti ed ai loro clienti.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.