sabato 25 ottobre 2008

Cessione del quinto: i Taeg applicati oscillano tra il 16% e il 35%!


La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è uno strumento finanziario a disposizione di tutti i lavoratori dipendenti, o pensionati, in cerca di liquidità per far fronte alle più svariate esigenze.

Moltissime persone ricorrono ogni anno a questa forma di "debito controllato" che ha la caratteristica di poter essere rimborsato attraverso una trattenuta diretta, di importo pari alla rata prevista dal piano d'ammortamento del prestito, effettuata in busta paga. Ciò determina un enorme abbattimento del rischio di insolvenza da parte del debitore, considerato che, una volta fornito il proprio consenso alla trattenuta in busta paga, il debitore non può più revocare il pagamento. Inoltre, quale ulteriore garanzia, è previsto anche il coinvolgimento del datore di lavoro nell'estinzione del finanziamento quale condizione fondamentale per l'erogazione del prestito.

In un momento di crisi profonda, come quella che stiamo vivendo in questo periodo, il mondo del credito è in allarme! Le richieste di prestiti finalizzati (-20% dati riferiti a settembre 2008) e non diminuiscono notevolmente, anche se il trend per il settore del credito al consumo, nei primi nove mesi dell'anno è ancora lievemente positivo con un +2,9%.

Le banche, quasi tutte allo stesso tempo, hanno adottato, nel medesimo periodo di riferimento (Gennaio - Settembre 2008) una nuova strategia, invogliando sempre più i clienti a sottoscrivere contratti relativi alla cessione del quinto, facendo registrare un notevolissimo aumento del comparto (+36,6%) potendo contare ben 223.136 operazioni per un valore complessivo di 3.721.444 euro. In media, dunque, ogni operazione è stata portata a compimento per un controvalore di circa 16.700 euro, una cifra, questa, di gran lunga superiore rispetto a quella richiesta ad esempio tramite i prestiti personali (11.700 euro di media).

Ciò che non è chiaro, come del resto si evince da un'inchiesta effettuata da Marcello Frisone di "Plus 24", è il motivo per cui, a fronte di Tan relativamente bassi e che vanno, in media, dal 5% al 14,50%, i Taeg effettivamente applicati vanno dal 16% al 35%, sfondando di fatto la soglia massima stabilita per i tassi usurai dalla Banca d'Italia!

Frisone ha detto che "se confrontiamo il Taeg (voce che indica il costo complessivo del finanziamento, ivi comprese le spese accessorie e le commissioni - vedere riquadro in alto e cliccarci sopra per ingrandire l'immagine) con le soglie dei tassi di usura fissate dalla Banca d'Italia per il trimestre ottobre-dicembre (20,94% per un finanziamento fino a 5.000 euro e 15,225% per finanziamenti più consistenti) allora il quadro che viene fuori dalla cessione del quinto è inquietante: molti di questi finanziamenti sono al di sopra delle fatidiche soglie. Non si riesce a capire perché quando un dipendente chiede un finanziamento garantito dalla cessione del quinto dello stipendio (e dal Tfr), gli vengono applicati dei Taeg così alti, giustificabili forse soltanto con riferimento a finanziamenti non garantiti."
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.