domenica 9 marzo 2008

Prestiti per la casa raddoppiati in due anni!

Secondo l'ultimo osservatorio di PrestitiOnline, la ristrutturazione della casa continua a essere in vetta alla classifica delle finalità più richieste nel settore del credito al consumo. Ma anche in termini di erogato è il segmento più importante. "La ristrutturazione casa è una finalità in continua crescita nelle erogazioni totali di prestiti personali degli ultimi anni - spiega Roberto Anedda, direttore marketing di Prestiti Oniine - era il 16% del totale nel 2004, il 17% nel 2005, il 25% nel 2006 e oltre il 33% del 2007, un dato confermato anche nei primi mesi del 2008". L'importo medio erogato per la specifica finalità è di 18.000 euro, più elevato rispetto al prestito personale medio (15-16.000 euro) e anch'esso in crescita rispetto all'anno precedente. La durata media è di 6 anni, ma il 40% dei prestiti è comunque erogato per durate dai 7 ai 10 anni.

Pensato per finanziare gli interventi di ristrutturazione e che consente di usufruire delle detrazioni Irpef per le spese di ritrutturazione (legge 449/97) è Dolce Casa, prodotto a marchio Compass.

"La domanda attuale è abbastanza in linea a quella dello scorso anno - spiegano dalla società - viene sottoscritto per importi medi pari a 5.000 euro e per una durata media di 29 mesi". Sul fronte dei finanziamenti per l'acquisto di un'abitazione l'unica società del credito al consumo che si muove in questo ambito è Prestitempo. "La domanda di mutui ha registrato nel 2007 un rallentamento che riflette la contrazione delle transazioni immobiliari, soprattutto delle vendite di nuove costruzioni rispetto agli immobili usati".

Per quanto riguarda la richiesta della clientela Prestitempo si è registrata una tendenza verso i prodotti a tasso fisso sia per le nuove erogazioni sia per le richieste di rinegoziazione (passaggio da tasso variabile a fisso). Prestitempo ha registrato nel 2007 un aumento delle erogazioni pari al 60% rispetto al 2006. Attualmente uno dei suoi prodotti è tra i migliori del mercato con lo 0,85% di spread. Prestitempo, è bene ricordarlo, è anche l'istituto di credito che eroga i mutui del Banco Posta. Articolo a cura di Lucilla Incorvati (Il Sole 24 Ore)
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.