sabato 9 febbraio 2008

Aumentano gli spread sui mutui ipotecari

E' il primo segnale d'incidenza della crisi legata ai mutui subprime statunitensi.

Già ad Ottobre dello scorso anno si erano avute delle avvisaglie di quanto sta accadendo oggi. L'aumento progressivo dei margini di guadagno delle banche sui mutui ipotecari, il differenziale applicato dalla banca sui tassi ufficiali, tecnicamente definito spread, si sta, via via, facendo sempre più consistente.

Il primo istituto di credito che si è distinto per la rapidità nel comprendere gli effetti della crisi internazionale è stata Banca Intesa Sanpaolo. Il ritocco allo spread sui mutui, per i prodotti offerti allo sportello, è compreso tra lo 0,4% e l'1%, ovvero un aumento pari allo 0,6%, un'enormità!

Anche altri importanti colossi del credito, purtroppo, si stanno adeguando a questa politica rialzista. Unicredit Banca, ad esempio, ha aumentato lo spread sul "Mutuo One" dello 0,20%, nell'ultimo trimestre, portandolo dallo 0,70% allo 0,9%.

Monte dei Paschi di Siena (MPS)ha effettuato ritocchi dello stesso ordine di grandezza, portando lo spread dall'1,20% all'1,40%.

Anche Ing Direct, che ha, da sempre, fatto dei costi ridotti il cavallo di Troia per conquistare fette di mercato nel nostro Paese, non ha resistito alla tentazione e, dal primo gennaio di quest'anno, ha incrementato dello 0,1% lo spread sul "Mutuo Arancio" a tasso fisso a 25/30 anni e dello 0,05% quello sui finanziamenti a rate costanti, per importi inferiori a 100.000 euro.

Se non si provvederà a ritoccare gli stipendi e le pensioni, in maniera adeguata, il rischio di ulteriori sofferenze per i cittadini è consistente, in quanto si fa sempre più frequente l'impossibilità di far fronte alle rate di rimborso dei mutui, con conseguente pignoramento dell'unità immobiliare. Un circolo vizioso che sta contribuendo in maniera consistente a dissestare l'economia, già fragile, delle famiglie italiane.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.