giovedì 15 novembre 2007

L'Europa respira aria di recessione!

A lanciare l'allarme è l'ultimo bollettino diramato dalla Banca Centrale Europea!

Che il futuro non fosse roseo, dal punto di vista della stabilità dei mercati e della tenuta economica del colosso statunitense, era cosa risaputa da tempo. Che l'Europa stesse attraversando un periodo di netta sofferenza lo si poteva capire da migliaia di piccoli segnali che ad un'attenta analisi lasciavano trasparire l'ombra della recessione. Non la chiama proprio così, la BCE, ma fa intuire, nell'ultimo bollettino mensile, che la situazione è grave e pesante per tutta Erolandia. In particolare si pone l'accento sulla fortissima crescita dell'inflazione determinata dal rialzo dei prezzi dell'energia, figlio dello sconsiderato aumento del costo del petrolio. Dal bollettino si evince come "gli effetti sfavorevoli derivanti dai prezzi dell'energia esercitano attualmente una forte pressione al rialzo sull'inflazione al consumo, riconducibile soprattutto alla notevole contrazione dei costi dell'energia di un anno fa". "Tali effetti - si legge nel comunicato delle BCE - sono stati inoltre acuiti dagli ulteriori cospicui rincari del greggio, delle materie prime non petrolifere e, in particolare, dei beni alimentari. Ci si attende che il tasso di inflazione rimanga su livelli nettamente superiori al 2% nel prossimi mesi". A preoccupare gli analisti, sono anche gli squilibri dei piani di bilancio per il 2008 di diversi paesi che, in buona sostanza, evidenziano un orientamento prociclico delle politiche fiscali e un ingiustificato allentamento degli sforzi compiuti sin qui per riequilibrare i conti. "A fronte del consistente rincaro delle materie prime alimentari a livello internazionale - si legge ancora nel comunicato diramato dalla Bce -, un'ulteriore liberalizzazione e maggiori riforme dei mercati agricoli dell'Ue contribuirebbero ad accrescere la loro efficienza e a far diminuire i prezzi a beneficio dei consumatori europei". Il quadro della situazione è aggravato anche dalla crisi in atto legata alla ormai famigerata crisi dei mutui subprime americani, crisi sulla quale crediamo si stia speculando alla grande!
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.