giovedì 14 giugno 2007

Private Equity e buyout: i dati della BCE



Fondi che ammontano a circa 90 miliardi di euro, il 25% in più rispetto al 2005 e ben tre volte superiore alla cifra raccolta nel 2004. Il comparto del private equity nello scorso anno ha registrato un ulteriore rialzo e la BCE (Banca Centrale Europea), nel Bollettino mensile, svela come gli investimenti constino di un ammontare totale pari "soltanto" a circa 50 miliardi di euro.

Da questa stima è lecito ipotizzare ulteriori operazioni di acquisizione in blocco (buyout), nel prossimo periodo, considerando che al segmento dei buyout è destinato circa l'80% del totale dei fondi raccolti.

Segni di vivace attività si sono, tuttavia, riscontrati nel mercato delle acquisizioni effettuate per mezzo di capitale di prestito (il cosiddetto "leveraged buyout"). Il valore di mercato di queste transazioni, nel vecchio continente, è aumentato a ben 160,3 miliardi nel 2006, facendo registrare un incremento di ben 30 miliardi rispetto al passato.

L'innovazione finanziaria, che ha permesso di facilitare le strutture di finanziamento e di realizzare operazioni più importanti, è il primo motivo segnalato dalla BCE per l'incremento dell'attività di private equity.

Altro fattore di crescita è da considerare, certamente, l'ingresso di nuove tipologie di attori che hanno deciso di destinare una quota consistente dei propri capitali al private equity, confortati nel farlo, da un approccio più disteso al rischio e all'utilizzo della leva finanziaria.

Un ulteriore stimolo è il costante aumento della redditività delle imprese, che le rende quantomai appetibili, quali target di riferimento, in quanto è risaputo, che un eccesso di liquidità o sostenuti flussi di cassa possono essere utilizzati per rimborsare i debiti contratti per effetto del buyout.

La BCE, infine, ha espresso grande soddisfazione ed ha sottolineato gli effetti positivi per le aziende ogetto di buyout. Nei casi di management buyout indagini recentissime hanno mostrato un consistente aumento della produttività dopo l'acquisizione.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.