mercoledì 14 marzo 2012

Si sente forte l'esigenza di un decreto salvacasa

Gli atti vessatori da parte del fisco nei confronti dei cittadini e le prove di forza delle banche nei confronti dei mutuatari, specie in questi periodi di profonda crisi, in cui la liquidità è poca ma la fame degli esattori è enorme, ha spinto alcuni esponenti politici e diversi movimenti e comitati ad avanzare una proposta quantomai opportuna, ovvero quella di varare un Decreto Salvacasa che preservi il diritto d'uso dell'immobile che costituisce l'unica proprietà di un individuo, rendendolo peraltro impignorabile. Ad oggi, ben 4.200.000 famiglie italiane sono a rischio di procedura esecutiva della propria e unica abitazione. Dal primo ritardo occorso nei pagamenti, specialmente nei confronti di Equitalia e delle banche, iniziano a decorrere e lievitare interessi passivi abnormi, tanto da rendere vano, nel giro di pochissimo tempo, ogni sforzo fino ad allora affrontato per pagare le rate dei debiti maturati. La Costituzione Italiana sancisce il diritto di abitazione e, partendo da questo presupposto, la proposta avanzata dai promotori dell'iniziativa recita, all'articolo 1: "In nessun caso può essere espropriato, pignorato, esecutato o comunque sottratto al godimento del legittimo proprietario, l'immobile di prima e unica abitazione e le relative accessioni e pertinenze. Non è ammessa alcuna forma di restrizione salvo espropriazione per motivi di interesse generale e salvo indennizzo". I mutui ipotecari sulla prima e unica abitazione contratti prima dell'entrata in vigore del Decreto Salvacasa verrebbero convertiti in prestiti vitalizi ipotecari, anche per chi ha un'età inferiore ai 65 anni.  Per chi non lo sapesse, il prestito vitalizio ipotecario, detto anche "mutuo inverso", è uno strumento finanziario riservato a chi ha più di 65 anni e, (di norma, viene proposto in alternativa alla "nuda proprietà"), che utilizza l'ipoteca su una casa per erogare un finanziamento con scopi diversi. Questi prestiti sono stati introdotti in Italia dalla Legge 248/2005. Gli over 65, mettendo un'ipoteca sulla loro casa, possono ottenere un prestito pari ad una percentuale sul valore di perizia dell'immobile. L'abitazione resta di proprietà del contraente fino alla morte. Il prestito, con le spese e gli interessi, è in capo agli eredi, se ve ne sono: se intendono tenersi la casa devono rimborsare il dovuto alla banca, altrimenti sarà l'istituto di credito a vendere la casa ed eventualmente a versare agli eredi la differenza tra l'incasso e quanto dovuto dal cliente. E' possibile comunicare la propria disponibilità a partecipare all'iniziativa "Decreto Salvacasa" contattando i promotori telefonicamente al numero 0983.851190 o via mail all'indirizzo coriglianoinazione@libero.it
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.