venerdì 16 marzo 2012

Fino al 31 dicembre rinegoziabili i mutui accesi prima del 14 maggio 2011

La rinegoziazione è un diritto che ha il cliente ad esercitare la facoltà di cercare sempre di ottenere condizioni migliori per il proprio mutuo dall'istituto erogatore, contrattandole. Operazione con la quale sono modificati uno o più elementi del contratto originario, per esempio la durata del mutuo, il sistema di indicizzazione, il parametro di riferimento, lo spread o le commissioni legate al mutuo. Come la portabilità, anche questa operazione è completamente gratuita. Il Decreto legge numero 70 per lo sviluppo del 13 maggio 2011 introduce, tra gli altri provvedimenti, alcune novità che riguardano i mutui. Fino al 31 dicembre 2012 sarà possibile rinegoziare con la propria banca i mutui accesi prima del 14 maggio 2011 (giorno di entrata in vigore del decreto) oggi esistenti a tasso variabile e ottenerne la trasformazione a tasso fisso per la restante durata del mutuo, con anche la possibilità di prolungarla fino ad ulteriori 5 anni (ma non oltre i 5 anni totali di durata residua). Tale possibilità è concessa per mutui di importo originario fino a 150.000 euro, per l'acquisto o la ristrutturazione di immobili adibiti ad abitazione (quindi anche seconda casa) e per mutuatari il cui reddito Isee non superi i 30.000 euro. Il tasso fisso verrà determinato sulla base degli indici Irs, prendendo il minore tra l'Irs a 10 anni e l'Irs di durata pari a quella residua del mutuo. Poiché il valore dell'Irs aumenta al crescere della durata, in caso di mutui di lunga durata la rinegoziazione offre il vantaggio di godere di un tasso fisso più basso rispetto a quello che andrebbe normalmente applicato. Al momento sembra che lo stesso tasso si applicherebbe anche in caso di estensione della durata del rimborso, dando così un ulteriore vantaggio. Inevitabile, quindi,  il consiglio di valutare con estrema attenzione ed adeguati calcoli l'alternativa della rinegoziazione prima di decidere se richiederla o meno, considerando dall'altro lato le incognite legate al tasso variabile ed i possibili aumenti della rata in caso di forti risalite future del costo del denaro.  La rinegoziazione sarà possibile fino al 31 dicembre 2012, ma è chiaro che essa risulta molto conveniente (per chi è realmente convinto ed interessato a passare al tasso fisso) ora che i tassi sono ancora accettabili e posti verso il basso. Man mano che i tassi cresceranno, l'effetto di contenimento delle rate diminuirà mentre potrebbe salire il costo totale in termini di interessi pagati.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.