domenica 14 giugno 2009

Basilea 2 ha messo in difficoltà il sistema produttivo calabrese!

Nell'ambito del convegno intitolato "La crisi economica, le banche e la Calabria", organizzato dalla Uilca Calabria e patrocinato dall'assessorato regionale al Bilancio, tenutosi presso l'hotel 501 di Vibo Valentia, si è lungamente discusso della crisi economica in atto e delle crescenti difficoltà dell'accesso al credito, tracciando un'impietosa analisi del comportamento dei principali attori economici che agiscono sullo scenario di un'economia strutturalmente debole come quella calabrese.

Damiano Silipo, professore ordinario del Dipartimento di Economia e Statistica presso l'Università degli Studi della Calabria, ha analizzato dettagliatamente l'evoluzione del mercato finanziario e creditizio in Calabria nell'ultimo decennio, illustrando l'influenza del sistema bancario rispetto allo sviluppo di un territorio. "Dietro l'apparente diminuzione del rapporto impieghi/depositi - ha detto Silipo - si celano altri significativi dati che indicano dove si sia indirizzato l'investimento delle banche in Calabria. Questo non è andato a favore delle imprese ma è servito a finanziare, soprattutto, l'indebitamento delle famiglie, cresciuto del 139% in dieci anni. Al contrario le imprese sono state sostenute dalle banche in misura molto minore di quanto non sia avvenuto al centro-nord dove, negli ultimi due anni, questo dato ha avuto un incremento del 100%".

Nel corso del dibattito, poi, Damiano Silipo ha azzardato una previsione secondo la quale, "la Calabria subirà più di altre aree la crisi perché, anche a parità di altre condizioni, le banche avranno interessi a riallocare i prestiti dove ci sono meno rischi e per gli effetti di "Basilea 2" che penalizza le imprese sotto capitalizzate.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.