giovedì 30 agosto 2012

Citigroup chiude la querelle con gli investitori versando 590 milioni di dollari

Sembrava una storia infinita, ma alla fine, dopo diversi anni di lotte e dispute senza esclusione di colpi a livello legale, tra Citigroup e investitori è "pace" fatta! Certo, verrebbe da dire che si tratta di una pace un po' costosetta, ma alla fine non si può dire che, dopo il versamento di 590 milioni di dollari, il colosso statunitense sia andato a finire sull'orlo del fallimento, anzi, l'azione risarcitoria ha innescato un meccanismo assai positivo che oggi ha fatto schizzare il titolo, in Borsa, in su dell'1,94%. Citigroup era accusata di aver nascosto agli investitori l'esposizione ai subprime alla vigilia della crisi. Un'omissione pesante che costerà cara ad alcuni ex manager di Citigroup che sono accusati di aver nascosto il fatto che non fossero state effettuate svalutazioni sui titoli subprime, quando ormai era evidente che il collasso del mercato immobiliare avrebbe avuto un effetto anche su Citigroup. Riepilogando brevemente, i punti salienti della vicenda sono i seguenti. Citigroup ha annunciato oggi di aver raggiunto un accordo con gli investitori, con riserva di approvazione del tribunale, per risolvere definitivamente una disputa sfociata in una class action intentata per conto di investitori che hanno acquistato azioni ordinarie Citigroup durante il periodo 26 febbraio 2007 - 18 Aprile 2008. In base ai termini della soluzione proposta, Citigroup dovrà pagare un totale di 590 milioni di dollari. L'azione collettiva si è basata, tra le altre cose, anche e soprattutto sulla responsabilità oggettiva di chi, all'epoca dei fatti, ha reiteratamente indotto gli investitori a sottoscrivere prodotti poco sicuri fornendo informazioni errate, inducendo, di fatto, in errore chi, in buona fede, aveva accettato di investire i propri risparmi fidandosi delle informazioni rassicuranti ricevute da parte del personale del colosso finanziario. Citigroup, pur negando e respingendo al mittente tutte le accuse ha accettato di sottoscrivere questo accordo milionario unicamente al fine di eliminare gli oneri e le incertezze, nonché la spesa inerente lo svolgimento di ulteriori lunghi processi.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.