lunedì 19 aprile 2010

Cosa sono le "collateralized debt obligations" e qual'è stato il loro ruolo nell'ambito della crisi economica mondiale?

Cosa sono le "collateralized debt obligations" (CDO) e qual'è stato il loro ruolo nell'ambito della crisi economica mondiale?

Le collateralized debt obligations sono delle vere e proprie obbligazioni che, a differenza di altri prodotti della stessa specie, si caratterizzano per l'elevatissimo grado di complessità. Queste obbligazioni hanno un debito per garanzia e sono formate da decine, ma anche centinaia di ABS che altro non sono se non ulteriori obbligazioni garantite da altri debiti. L'enorme massa debitoria inerente una collateralized debt obligation, di fatto, rende difficile, se non del tutto impossibile, un'attenta valutazione dei rischi ad essa collegati anche da parte di operatori particolarmente specializzati come le agenzie di rating. Questa caratteristica tende a suggerire agli investitori una strategia volta a cedere quanto prima le obbligazioni in loro possesso non appena aumenta la quota dei debitori insolventi.

Le CDO, insieme ai derivati, sono state a lungo legate ai mutui. Questi crediti altamente "tossici" sono parte in causa di quella che si è poi rivelata una delle maggiori crisi economiche mondiali dal dopoguerra ad oggi. Il premier britannico Gordon Brown ha annunciato l’avvio di un’indagine sulle attività britanniche di Goldman Sachs, dicendosi alquanto scioccato per la bancarotta morale delle banche di investimento. Il Financial Service Authority (che è l'equivalente della nostra Consob) sta già indagando sulle attività della Goldman Sachs nella City, dopo che è emersa l’accusa di una frode da un miliardo di dollari ai danni degli investitori.

Quanto sta accadendo determina chiaramente il fallimento di moltissime teorie economiche secondo cui strumenti come i CDO, realizzando un investimento particolarmente diversificato, riducano il rischio di perdite.

Tanto per renderci conto di quello che è stato l'impatto dei CDO a livello europeo, anche la Germania, per bocca di Ulrich Wilhelm, è pronta ad avviare azioni legali, mentre la Bafin (Sec tedesca) sta per chiedere informazioni più dettagliate agli Usa. Infine, anche la Royal Bank of Scotland è pronta ad intentare causa nei confronti di Goldman Sachs. La banca scozzese che ha pagato 841 milioni in mutui tossici è, infatti, quella che agli atti ha perso di più nell’ambito delle transazioni incriminate con il colosso di Wall Street.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.