venerdì 9 aprile 2010

Carte American Express bloccate da Bankitalia in attesa di un riallineamento alle leggi italiane

American Express, leader mondiale del segmento riguardante le carte revolving, è incappato in ciò che qualche tempo addietro capitò anche a Diners Club Italia, ovvero un veto, da parte della Banca d'Italia, ad emettere nuove carte di credito prima che la società ponga rimedio ad alcune problematiche di carattere normativo che ne determinano un quadro del tutto irregolare rispetto alle leggi vigenti nel nostro Paese.

Le irregolarità riscontrate dalla nostra banca centrale ineriscono principalmente tre aspetti: usura, riciclaggio e trasparenza.

Sul fronte dell'usura, sono state riscontrate violazioni nel calcolo degli interessi di mora. L'antiriciclaggio è stato tirato in ballo per via di alcune irregolarità in tema di verifica e registrazione della clientela con particolare riferimento all'archivio unico informatico della società che è risultato essere del tutto inadeguato a consentire la registrazione dei dati della clientela stessa. Per ciò che attiene i profili di trasparenza non veniva invece comunicata al cliente l'esistenza di limiti di disponibilità di credito.

La società inglese, con sede a Londra Belgrave House, 76 Buckingham Palace Road, ha fatto sapere attraverso un comunicato stampa diramato ai mass media che realizzerà a breve un aggiornamento dei propri sistemi informativi e di tutte le procedure al fine di adeguarsi alla normativa italiana. American Express sospenderà in via del tutto temporanea l'emissione di nuove carte revolving a partire da lunedì 12 aprile 2010, e riprenderà ad emettere le carte non appena l'aggiornamento sarà completato.

Per chi è già in possesso di una carta American Express rimane tutto invariato. Il provvedimento della Banca d'Italia riguarda, infatti, soltanto le carte di nuova emissione.
Share/Save/Bookmark

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori non ha nno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Decliniamo ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.

Tutti i testi del blog sono regolati in base alla licenza Creative Commons per i diritti d'autore

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. E' obbligatorio citare l'autore dell'opera e linkare la fonte. E' vietato rimuovere i link presenti nel testo.

Privacy

Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.